Quante volte vi sarà capitato di fantasticare all’ombra della vostra piccola cameretta, di immaginare d’aver tanti soldi e alla domanda “Cosa ne farei?” rispondere nei modi più disparati?

C’è chi neppure li vorrebbe troppi soldi, o almeno così dice, perché pare che i soldi e il potere riescano a cambiare l’uomo, quindi, di “cosa accadrebbe se“, forse, in fondo, possiamo dir poco.

Certo è che certe quantità di soldi neppure possiamo capirle, contarle, perché sono così impensabili da mettere in difficoltà la maggior parte di noi, che non siamo né grandi imprenditori né governanti, né regnanti.

Ma, la famiglia Tucci, del film “Poveri ma Ricchissimi”, ha già fatto il conto con una cifra esorbitante. Nel film “Poveri ma Ricchi” hanno vinto cento milioni di euro e adesso fanno i conti con “L’indipendens dei“!

Sinossi

Questo Natale torna la famiglia Tucci, sempre più ricca e sempre più cafona ma con una passione nuova: la politica. Ai Tucci l’ostentazione del lusso non basta più, hanno capito che la vera svolta è il potere. E così decidono di indire un referendum che permetta al loro paesino di uscire dall’Italia, dichiararsi Principato indipendente e proporre così nuove leggi. Una vera e propria “Brexit Ciociara”, un Principato a conduzione familiare con a capo un uomo dalla pettinatura improbabile, un solido conto in banca, ma soprattutto molto cafone: Danilo Tucci, l’unico leader al mondo che fa più gaffes di Donald Trump.

POVERI MA RICCHISSIMI, con Christian De Sica, Enrico Brignano, Lucia Ocone, Lodovica Comello, Anna Mazzamauro, Ubaldo Pantani, Massimo Ciavarro, Tess Masazza e con Paolo Rossi. Il film, prodotto da Wildside e Warner Bros. Entertainment Italia, sarà al cinema dal 14 dicembre distribuito da Warner Bros. Pictures.

E allora non ci resta che guardare il trailer, se viva, andare al cinema, che tanto è sempre bello andarci, e andare a vedere questo film che certamente promette risate!

Ma voi, con cento milioni di euro… che fareste?

 

 

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *