Esce al cinema oggi, 10 maggio, Tutto quello che vuoi.Un film di Francesco Bruni che racconta la vecchiaia, la bellezza e la poesia.

Tutto quello che vuoi è la storia di un ventiduenne che si ritrova a dover accettare un lavoro che lo vedrà impegnato con una persona molto più grande di lui. Il suo compito, infatti, è fare compagnia ad un signore di ottantacinque anni durante le passeggiate pomeridiane. Il ragazzo è ignorante e poco interessato alla letteratura ma sviluppa una curiosità stimolante nei confronti di questo anziano, poeta dimenticato.

Nessuno ricorda chi è, neppure lui, affetto dal morbo di Alzheimer. E sarà anche questa una scusa per scavare nel passato di quest’uomo, insieme a lui, ripercorrendo avvenimenti già avvenuti in tempi non recenti.

Il ventiduenne cresce, mentre l’ottantacinquenne vive, malgrado la memoria.

L’argomento è molto caro al regista, Francesco Bruni. Il padre, affetto dal morbo di Alzheimer, ha dato spunto al regista per questo film dalle note melanconiche ma estremamente forti.

Una pellicola italiana non banale che sfida le regole dell’abitudine e del commerciale.

I due attori principali, Giuliano Montaldo per il ruolo di Giorno, l’anziano poeta, e Andrea Carpenzano, nel ruolo di Alessandro, si trovano davanti una sfida importante, ma sembrano esserne all’altezza, uno con la freschezza dei suoi anni, l’altro con l’eleganza del suo bagaglio.

E voi? Accettereste di assistere una persona così distante da voi, così diversa da voi, con così tante cose da ricordare?

Un piccolo estratto del film durante uno dei pomeriggi che i due protagonisti trascorreranno insieme, tra la leggerezza di Alessandro e la profonditò di Giorgio.

Giorgio: Lei non ha mai scritto poesie?

Alessandro: No, io non…

Giorgio: Si scrivono quando non si sa dove mettere l’amore.

Non vi resta che andare a vederlo e a scoprire che magari, anche noi avremmo da imparare da uno strano dignore che la vita forse non se la ricorda, ma la sua regale dignità non può dimenticarla.

https://www.youtube.com/watch?v=nC0aYwJWrKU

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *