Dopo il successo con “Se Dio vuole”, Edoardo Falcone torna a mettersi in gioco con un lungometraggio per il cinema! Questione di Karma esce oggi, giovedì 9 marzo 2017, nelle sale cinematografiche italiane.

Una pellicola a tratti brillante, divertente, a tratti complessa che tocca argomenti profondi, Questione di Karma vede in scena due attori, Fabio De Luigi nella parte di Giacomo e Elio Germano nella parte di Mario Pitagora, tra loro molto diversi.

Attorno alle vite di entrambi primeggia il “Dio denaro” ma ha degli effetti assolutamente diversi nei due personaggi che quindi appaiono distanti ma che in fondo si completano. Da un lato Giacomo, ricchissimo ereditiere bloccato e soffocato dal trauma infantile della perdita del padre, dall’altro uno squattrinato Mario Pitagora che tenta in ogni modo di procacciare denaro. Giacomo si offre su un piatto d’argento quando, spinto dal desiderio di riavere suo padre, fornisce l’occasione del perfetto fraintendimento. Uno sciamano indica in Mario la possibile reincarnazione del papà di Giacomo, che, ingenuo quanto un bambino, non può che crederci senza remore. Così come la madre che si fa venire qualche dubbio sull’effettiva impossibilità della cosa.

L’unico forse scettico ma contento per questa situazione è proprio Mario Pitagora che vede nel quasi coetaneo Giacomo una fonte inesauribile di “soluzioni al problema”, vale a dire “soldi”.

Soldi, soldi, soldi. Sono al centro di questa pellicola fuori dagli schemi della tradizionale commedia. Perché ognuno ha un suo credo, un suo approccio, un suo karma imposto o casuale. Ognuno ha una spiritualità, esasperata o mancata, che fa vivere il rapporto con le cose in modo diverso.

Perché in fondo, al di là dei bisogno materiale, al di là della potenziale truffa e dell’approfittarsi l’uno dell’altro, la vera convenienza sta nella vicinanza umana, in quel reciproco esserci per l’altro che è il vero motore del mondo ma che si cela, preferendo apparire come approfittatori che come persone che hanno bisogno di persone.

Alessia Di Maria

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *