Si preannuncia un grande successo al botteghino per il nuovo film di Marco Ponti. Soldi, fama, avventura: tre ingredienti perfetti per un film dai grandi numeri.

Una vita spericolata, al cinema da giovedì 21 giugno. Accattivante per le tematiche potenzialmente raggiunte da una trama che si fa intrigante. Tre ragazzi iniziano un’avventura in seguito ad un malinteso. Roberto (Lorenzo Richelmy) un giovane meccanico in cerca di un prestito, si trova dentro ad una banca a fare una rapina… per sbaglio. Rapirà Soledad (Matilda De Angelis), per sbaglio! Lei volentieri seguirà il giovane perché, raggiunta una certa notorietà sui social, è ormai economicamente disperata pur continuando ad essere seguita da un numero elevato di utenti. Insieme a loro c’è BB (Eugenio Franceschini). Divendano un trio di giovani Robin Hood donando soldi ai passanti e portando dalla loro parte una buona fetta di opinione pubblica.

E guardando il film Una vita spericolata come reagirà l’opinione pubblica del nostro mondo, invece? Come li vedranno gli spettatori paganti del cinema, questi tre ladri improvvisati? Giusto o sbagliato rubare ai ricchi per dare ai poveri? Ladri o benefattori? In un momento storico in cui qualunque argomento diventa un potenziale e acceso dibattito, il film è terreno fertile per tanti spunti. Dal mondo social alle differenze economiche, dalla povertà alle nuove forme di ricchezza sociale.

Un cast interessante di giovani promesse. Abbiamo visto Matilda in Tutto può succedere, Eugenio in Io che amo solo te, La cena di Natale e La strada di casa. Gli ultimi lavori di Lorenzo invece sono quasi esclusivamente al cinema come in Una questione privata o Sotto una buona stella con Verdone. Tre volti accompagnati da un cast di “contorno” altrettanto interesssante. Antonio Gerardi, Massimiliano Gallo, Michela Cescon, Gigio Alberti, Libero de Rienzo, Mirko Frezza, Alessandro Bernardini…

Siete convinti? Andate al cinema a scoprire come finirà questa strana e interessante avventura! Buona visione.

Alessia Di Maria

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *