Parte questa sera la sesta edizione di MasterChef, il cooking show più seguito, che andrà in onda dalle 21.15 su SkyUno. 

Oggi, giovedì 22 dicembre, andrà in onda su sky uno, alle 21.15 la prima puntata della sesta edizione di #masterchef. I giudici saranno sempre loro – squadra che vince non si cambia – Bruno Barbieri, Carlo Cracco, Antonino Cannavacciuolo e Joe Bastianich. 

Vi starete chiedendo, perché cominciare proprio a ridosso delle festività Natalizie?

Perché Masterchef è un programma perfetto per il periodo di Natale. Visto il tema, la cucina e le ricette di aspiranti chef, può essere l’occasione per schiarirsi le idee sul menù per le feste. Suggerire ricette e consigli per l’impiattamento. 

Le novità di questa sesta edizione: 

La vera novità arriva dalla produzione del programma, quest’anno sarà la Endemol a produrre Masterchef Italia. Per il resto è rimasto tutto invariato: i concorrenti saranno 20 e, come nelle scorse edizioni, anche quest’anno dovranno affrontare prove in esterna, pressure test e mistery box. Nel corso di ogni puntata i loro piatti verranno assaggiati e giudicati dai quattro giudici. I concorrenti, nel corso del programma, viaggeranno per tutta Italia e impareranno nuove ricette.

Ma che fine hanno fatto i concorrenti delle passate edizioni? 

E’ stato chiesto ai giudici nel corso della conferenza stampa che si è svolta due giorni fa. A tal proposito, Cannavacciuolo ha detto che, per un periodo di tempo, nella cucina del suo ristorante (Villa Crespi) ha lavorato Andrea, il fotografo. Barbieri ha detto che nella sua cucina lavora Maradona che sta facendo un bellissimo percorso e imparando molto bene il mestiere. Bastianich ha voluto sottolineare che moltissimi ex cuochi di MasterChef lavorano, attualmente, nelle cucine di Eataly. Leggi la nostra intervista ad Alida, seconda classificata della quinta edizione (QUI)

Non ci rimane che attendere le 21.15 di questa sera per conoscere i volti dei nuovi aspiranti al titolo di MasterChef Italia! 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *