Le piante d’appartamento che assorbono l’umidità sono un valido aiuto per combatterla all’interno della nostra dimora.

Avete scoperto che il vostro appartamento è soggetto a umidità e non sapete come risolvere? Uno dei rimedi più green è quello di scegliere delle piante d’appartamento che assorbono l’umidità. Alcune di queste piante sono una sorta di umidificatore naturale, grazie alle loro foglie e alla terra riescono ad assorbire l’umidità presente in casa. Non dovrete far altro se non posizionarle nelle stanze in cui avete riscontrato il problema. Ma vediamo insieme quali scegliere.

piante che assorbono l'umidità

Aloe.

Questa pianta è molto conosciuta per le sue proprietà cosmetiche, utilizzata spesso sottoforma di gel e creme. Quello che molti non sanno è che l’aloe è perfetta per combattere l’umidità in quanto cattura facilmente quella in eccesso rendendo l’ambiente più salutare. Averla in casa quindi non è solo utile per ricavare il gel di aloe dalle foglie carnose e prevenire incidenti domestici, ma anche per prevenire la muffa sulle pareti. Bisogna posizionarla in una stanza con luce indiretta, troppa luce potrebbe infatti bruciarne le foglie, e in una stanza particolarmente soggetta a umidità, come il bagno.

Felce.

Le felci non temono gli sbalzi di temperatura e assorbono l’umidità in casa. Caratterizzate da ricche foglie di un verde brillante sono spesso di piccole dimensioni e non richiedono particolari cure. Alcune varianti hanno bisogno di luce intensa, altre un po’ più moderata. Di sicuro è adatta anche per gli ambienti non troppo spaziosi.

Azalea.

L’azalea, o rododendro, è una pianta nota per riempire giardini o terrazzi, ma nella stagione invernale è adatta anche per le abitazioni o locali umidi. L’azalea, infatti, rientra tra le piante d’appartamento che assorbono l’umidità. prestate attenzione a  qualche piccolo accorgimento: non ama il clima secco,  cresce benissimo in un contesto umido, fate attenzione a non esporla alle correnti d’aria e innaffiate costantemente il terreno.

Pianta nastrino.

Il nastrino non è solo bello o facile da gestire. Oltre a non avere bisogno di cure particolari o di molta luce ha anche la capacità di assorbire l’umidità. Spesso il suo luogo ideale nel nostro appartamento è il bagno o la cucina.

Bambù.

Tra le piante d’appartamento che assorbono l’umidità c’è anche il Bambù, nota per essere resistente e leggera. Ha bisogno di poca luce ed è utile come deumidificante. Proprio perché ama la penombra scegliete un angolino poco illuminato.  La variante più ideale è quella nana poiché cresce poco e si adatta facilmente all’ambiente.

Sanseviera trifasciata

Più comunemente conosciuta come “lingua di suocera” vive benissimo negli ambienti umidi ed è quindi utile per assorbire l’umidità e purificare l’aria. Non richiede cure particolari e cresce bene sia con la luce intensa che moderata. La pianta tende a crescere in larghezza, per questo è consigliato circondarla con del nastro in modo da poterla contenere.

Linda La Commare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.