Ukeireru, l’arte giapponese dell’accettazione e del vivere felici. 

Siamo costantemente alla ricerca della felicità, ma trovarla non è sempre così facile. Siamo cresciuti con la consapevolezza di dover costantemente guardare al futuro per cercare e desiderare il meglio senza mai trovare un attimo di pace a causa di questo bisogno, quasi patologico, di una perfezione difficile da raggiungere.  Cerchiamo la felicità nel lavoro, nel denaro, nella saluta fisica o  nella spiritualità, ma qual è la strada da percorrere per ottenerla? Ecco che, davanti a questo interrogativo, entra in gioco l’Ukeireru.

Nella nostra esperienza di vita, soprattutto dopo gli anni di pandemia, l’accettazione non è qualcosa che ci viene facile o naturale. Non accettiamo noi stessi, gli altri o la vita attorno a noi, procurandoci un enorme stress.  Al contrario, l’Ukeireru ci insegna come accettare noi stessi e tutto ciò che ci circonda senza criticare. Si tratta di un principio decisamente empatico e pragmatico, difficile da avvicinare ma che porterà un grande beneficio. 

Ukeireru, che letteralmente significa “accettazione” è decisamente più di una parola. È una filosofia di vita.

Nella lingua giapponese esistono diverse parole con lo stesso significato, ma a distinguerle è la sfumatura di ognuna di esse. In questo caso significa accettare quello che ci circonda e che fa parte della nostra vita; vuol dire quindi accettare la famiglia, il nostro lavoro, gli amici e anche le situazioni negative che, di tanto in tanto, si possono imbattere nel nostro quotidiano.  Accettare tutto ciò è importante al fine di vivere una vita più serena con meno insoddisfazione, angoscia o rabbia.

Ma come possiamo applicare questo tipo di filosofia alla vita di tutti i giorni? Il primo passo è osservare. Prenditi un po’ del tuo tempo per poter guardare dall’esterno la tua vita, i tuoi affetti e quel lavoro che magari non ti soddisfa a pieno ma che, in realtà, non è poi così male. È, tutto sommato, una buona vita? Anche nei suoi momenti negativi, pensandoci con lucidità, ti rendi conto che non ti offre delle soddisfazioni? É cosi che forse ti renderai conto che non è tutto nero come pensi. Che sei decisamente più fortunato della metà della popolazione mondiale. E arrivati a questo punto inizia ad accettare. Accettare non significa arrendersi, ma ci aprirà la mente, ci porterà  po’ di freschezza in una vita che, con questa estrema ricerca di perfezione, sembra volerci soffocare. Per poter vivere una vita serena e lontana dallo stress delle giornate è fondamentale accettare il cambiamento. Farlo ci aiuterà a focalizzarsi sul presente e ad essere più gentili con chi lo merita: ovvero noi stesse.  Ascolta gli altri e ascoltati, senza fretta. . Un passo alla volta è proprio ciò di cui hai bisogno.

Respira, ascoltati e vai.

Ambra Ferraro & Linda La Commare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.