“Vino vino eccolo qua. Vino vino, e tira a campà”.

Settembre, mese di vino! Con esso arrivano tutti i colori delle viti, i profumi delle vigne e il sapore inestimabile della vendemmia. E, perché no, i ricordi delle tradizioni, di quando l’uva veniva pestata coi piedi e la vendemmia era una grande festa per tutti coloro che partecipavano, collaboravano, o semplicemente assaggiavano.

Oggi tutto questo è un antico retaggio, perché sono le macchine e non più gli uomini a fare il vino. Tuttavia, seppur in modo completamente diverso, si può ancora far parte di questa grande festa in onore dei chicchi d’uva. Come?

Scoprendo gli itinerari e percorrendo le strade in cui il mosto diventa vino. Noi ne abbiamo selezionati alcuni per voi.

La strada del Barolo e company. Nelle Langhe piemontesi, su dolci pendii, potrete fare un weekend rilassante a contatto con la natura e con la storia, e ovviamente col buon cibo.  Escursioni fra le vigne a ritmo di trekking, tour guidati delle cantine più prestigiose della zona, visita al museo del Barolo, passeggiate per noccioleti e caseifici del posto e, dulcis in fundo, degustazione dei piatti tipici di questo territorio. Esistono dei pacchetti all inclusive che selezionano le migliori proposte che il luogo offre.

Dove alloggiare? Nella cittadina di Barolo Al B&B La Giolitta, che ha delle ottime recensioni, e dove la gentilezza e la disponibilità del personale fornisce tutte le indicazioni per visitare al meglio la zona, guidandovi nella scelta dei luoghi da visitare. Inoltre, potete dormire e fare un’eccezionale colazione a poco prezzo. A partire da 38 euro circa a persona.

Sempre a Barolo, al Ca’ San Ponzio, una tipica fattoria  a conduzione familiare recentemente ristrutturata, dove gentilezza, cortesia e l’enogastronomia offerta la fanno da padrona.

Infine se avete soldi da spendere, vi consiglio, anzi vi stra consiglio, di alloggiare a Villa Tiboldi, situato nella cittadina di Canale, un angolo pregiato di Piemonte, dove nascono i vini di Alba. Un posto unico, incantevole circondato da vigneti, un oasi di pace con dieci camere, ristorante, giardino e piscina. E soprattutto ottimi prodotti culinari. Un posto da sogno.

La strada del Chianti. Dalle colline senesi a quelle di Firenze, questo percorso è uno dei più belli da fare, un reticolo attraverso i vigneti che collega i centri i centri più grandi a borghi e castelli, come la via che conduce a Radda in Chianti o quella del Castello di Brolio. La visita al Castello non potete perdervela, è stupendo, e su di esso incombe la leggenda di un fantasma; scoprite quale! Inoltre, non molto lontano da lì c’è Agriturismo Agresto, un agriturismo fantastico dove potete dormire, cibarvi e rigenerarvi. Gli itinerari? Visite guidate alle cantine, degustazioni di vini accompagnati da degustazioni di olio e salumi, più pranzi/cene nelle osterie con specialità tipiche. Ogni paesino offre i suoi itinerari e specialità, basta scoprirli. Su Agriturismo.it trovate tutte le più belle sistemazioni per questo viaggio enogastronomico toscano. E a poco prezzo anche.

 

La strada dei vini di Puglia. Da Foggia a Lecce è un susseguirsi di percorsi turistici fatti di escursioni, degustazioni e scoperte attraverso le bellezze paesaggistiche ed architettoniche della zona. Vigneti, ma anche borghi, castelli e leggende da scoprire. Ogni cantina offre un servizio di accoglienza caloroso, fornendo ai turisti ogni tipo di itinerario richiesto.

Potete sbizzarrirvi! Tra le strade dei vini doc della Daunia, i vini doc della Murgia Carsica, i vini doc rossi, i vini doc di castel del Monte, L’appia dei vini doc Brindisi-Ostuni, la vigna del sole e il vino doc primitivo di Manduria e di Lizzano. E i vini sono davvero ottimi tutti, specie se accompagnati dall’olio e dalla cucina tipica locale. E’ un percorso da fare almeno una volta, soprattutto per ammirare la ricchezza di questa terra, che pullula di paesini da sogno e pranzi luculliani indimenticabili.

Potrei star per ore a parlarvi di vini! La verità è che in Italia, da nord a sud, i vini son tutti ottimi da provare, e i percorsi enogastronomici, gli itinerari e l’ospitalità sono uguali dappertutto, o quasi. Perciò vi invito a trovare il vostro itinerario del vino, magari non troppo lontano da casa vostra, per un weekend mordi e fuggi, ma tanto rilassante. E soprattutto cin cin!

xoxo Marylla

 

 

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *