Ci sono luoghi che, per essere goduti pienamente, a mio avviso vanno visitati su due ruote. Sufficientemente vicina per essere agevolmente raggiunta via mare da nord, est e sud, la Corsica è una manna per i motociclisti!

Si può decidere di fare un semplice fine settimana, limitando le tappe, oppure l’intero giro dell’isola programmando un soggiorno di almeno una settimana. Personalmente l’ho raggiunta arrivando a sud, a Bonifacio, dalla Sardegna . Le bocche di Bonifacio sono un tratto di mare inadatto per i deboli di stomaco, quasi sempre fortemente ventoso e mosso, regala al traghetto una navigazione spesso turbolenta. Diventa fondamentale legare bene, con cavi adatti, la motocicletta agli appositi ganci presenti sul ponte. Non soffrendo di mal di mare mi sono divertita follemente nel corso della traversata!

Da un momento all’altro mi aspettavo di trovare il capitano Achab legato ad un albero nel disperato tentativo di avvistare la sua balena bianca. Non suggerisco questa soluzione ai motociclisti della domenica, cioè a coloro che scelgono questo mezzo solo per brevi passeggiate poco fuori porta. Il rischio di trovare la moto finita rovinosamente  a terra a causa di un cattivo ancoraggio non è da sottovalutare.La motocicletta non è un giocattolo e viaggiare in moto non va mai preso sottogamba.

Occorre non soltanto spirito di adattamento (un po’ di pioggia non può rovinare il viaggio) ma anche l’equipaggiamento adatto fatto di scarpe che proteggano i piedi (mai andare in moto in eleganti ciabattine da passeggiata in piazzetta a Capri) e giubbotti dotati di protezioni.  Personalmente sono una fan sfegatata del look da easy rider, ma un chiodo leggero e privo di protezioni non è esattamente la scelta migliore.  Cosi come il casco “jet” a meno che non vogliate fare indigestione di moscerini o, peggio ancora, api e vespe pericolose oltre che poco appetibili. Il viaggio in Corsica sarà caratterizzato da percorsi più tortuosi e da rettilinei dove spingere un po’ di più il vostro gioiello a due ruote.

Per questo motivo scegliete un casco modulare che consenta di sollevare la parte anteriore nei momenti di “lento passeggio” e darvi una protezione integrale nel momento in cui il vostro cavaliere, qualora non siate voi alla guida, decida di farsi prendere la mano sul rettilineo.  E lo farà, state certe che lo farà, magari solo per qualche istante, ma lo farà. Percorrere quest’isola in moto vi consentirà di scegliere percorsi meno battuti e poco adatti alle auto. Tornanti a strapiombo non sono precisamente il sogno di un camperista. 

Seguire il volo di un falco sopra le vostre teste sarà un’emozione e un capiente bauletto alle vostre spalle vi impedirà di rotolare giù dalla moto mentre ne seguirete la danza. Oltre a contenere parte di un bagaglio comodo e bene organizzato . In moto si viaggia leggeri, i bauli di abiti e scarpe dovranno attendere un’altra vacanza.

Vi consiglio di non scegliere il mese di agosto per la vostra vacanza in Corsica. Optate piuttosto per giugno o settembre, quando i prezzi sono ancora abbordabili e il tempo clemente.

Alcune strade sono bene asfaltate, altre meno. Diventa importante mettere in conto qualche breve disagio per il vostro lato b, ma vi garantisco che il paesaggio spesso incontaminato, tra interni di boschi e strade costiere, vi lascerà senza fiato. 

Personalmente sono rimasta incantata da St. Florent, a ovest di Bastia, e non ho potuto fare a meno di dipingerne uno scorcio una volta rientrata alla base. Accoccolata sul mare è un trionfo di stradine e piazzette. Il vantaggio di viaggiare su due ruote è quello di potersi fermare a godere di scorci che gli automobilisti possono soltanto vedersi passare davanti al finestrino: ad esempio le isole di Monte Cristo, Capraia e l’Elba, mentre state percorrendo la strada diretti a Bastia. Le strutture ricettive sono numerose e per tutte le tasche, campeggi compresi, puliti e bene organizzati. Che scegliate di scoprire l’interno, con il suo parco naturale, o restare sulla costa, la vostra vacanza in moto sarà un’esperienza indimenticabile. Documentatevi sul web che propone siti e forum di motociclisti per motociclisti e lasciatevi anche consigliare dalla gente del posto, una volta in loco, per qualche piacevole fuori programma.

Forza centauri!
Siete pronti? Buon viaggio.
Barbara Giuliano.

  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
    23
    Shares
  • 23
    Shares

One Comment on “Corsica: e se partissimo in moto?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *