Avete deciso che passerete l’estate 2022 al mare, ma non ancora la meta? Vi consigliamo 5 isole top in Italia. 

Sul podio delle 5 isole top in Italia dove trascorrere l’estate 2022 non possono mancare Sardegna e Sicilia. Con le loro spiagge da sogno, le grotte dove poter fare un’escursione in barca, la movida e i centri storici arricchiti con monumenti e differenti stili architettonici dovuti alle tante dominazioni, per non parlare della gastronomia! Ma non sono le sole isole italiane che ci invidiano in tutto il mondo!

#1: Sicilia

La Sicilia, la più grande delle isole italiane, è un vero gioiello da scoprire. Da Catania a Taormina, da Palermo a Marsala, a Trapani con le Egadi a dieci minuti di aliscafo e la famosa spiaggia di San Vito Lo Capo.

Scopello
Scopello

Oltre alle più famose, una località che non viene menzionata spesso ma merita moltissimo il viaggio è Scopello. Un piccolo borgo dove potrete visitare tramite tour guidato gli antichi magazzini di una Tonnara, passare una giornata di mare nella suggestiva conca di ciottoli e ammirare i suoi Faraglioni. Per la serata consiglio una passeggiata nella vicina Castellammare del Golfo, con il suo castello che si affaccia sulla costa, potrete usufruire di un numero ristoranti con menù tipico, bar e gelaterie.  

Da Castellammare del Golfo, imboccando la Statale 187 in direzione Trapani, giungerete a un altro famoso punto d’interesse: La Riserva naturale dello Zingaro. L’oasi naturalistica, formata da calette dove poter fare il bagno, tra una fitta vegetazione di ginestre e timo, frassini e mandorli, si affaccia su un mare turchese ed è aperta tutti i giorni dalle 7 del mattino alle 19. Per accedere è necessario pagare un ticket da 5€  (3€ per i bambini).  Entrando dall’ingresso sud (Scopello – Castellammare), la prima caletta che si raggiunge a piedi è quella di Cala Capreria, super fotografata, suggestiva e bellissima. La Riserva si estende per un sentiero percorribile a piedi di 7 km, lungo il quale troverete e potrete fare sosta in tante altre calette altrettanto incantevoli.

Riserva dello zingaro
Riserva naturale dello Zingaro

Sempre nel territorio trapanese, con partenza dal porto di Trapani o Marsala, tra albe e tramonti suggestivi, le isole Egadi. La più grande è Favignana, con le sue scogliere Cala Rossa e Cala Azzurra da cui è possibile tuffarsi in un mare blu oltreoceano, le tante cale e la spiaggia attrezzata del Bue Marino. Per soggiorni più lunghi è possibile raggiungere l’isola imbarcando la propria auto sul traghetto che, da Trapani, vi porterà a destinazione in circa un’ora di viaggio. Diversamente, sull’isola è attivo un servizio autobus oppure è possibile noleggiare auto, scooter e biciclette in una delle diverse attività del porto.

Da visitare, con un percorso escursionistico molto semplice ma soleggiato, il castello di Santa Caterina in pietra calcarea locale, sulla cima del monte che sovrasta l’isola di Favignana da cui potete raggiungere ogni giorno, con diverse corse in aliscafo, le vicina isola di Levanzo e la terza  delle Egadi, Marettimo la più distante ricca di grotte  visitabili soltanto a bordo di piccole imbarcazioni. Dal porto di Trapani inoltre è possibile imbarcarsi per uno dei tanti tour giornalieri delle Isole Egadi. 

#2: Sardegna

Tra le mete più ambite segue la seconda isola d’Italia, la Sardegna.

L’Arcipelago della Maddalena è il più famoso e conta 7 isole maggiori e vari isolotti, tutte bagnate da un mare trasparente. La Maddalena, Spargi, Budelli, Santa Maria, Razzoli, tra le isole, Caprera è conosciuta per aver ospitato Garibaldi durante il suo esilio: la sua casa è oggi visitabile. Da visitare, l’affascinante, seppur piccola, Cala Coticcio, difficile da raggiungere però via terra, e la Spiaggia del Relitto, che conserva tutt’ora i resti di una nave che trasportava in passato carbone.

Se siete amanti del rosa, un salto fatelo anche a La Spiaggia Rosa, sull’isola di Budelli, dove il colore rosa della sabbia è dovuto allo sbriciolamento dei gusci di piccoli animali marini.

#3: Capri

Una delle isole più celebri – e anche tra le più costose – in Italia è sicuramente Capri, la perla del Golfo di Napoli. Tra scorci pittoreschi, viuzze da visitare e mito.

Definita la culla degli dei, è ricordata nelle opere di Omero come il luogo che incantò Ulisse col canto delle sirene. Tra i luoghi da ammirare abbiamo i Faraglioni, simbolo dell’Isola, e la Grotta Azzurra, caverna in cui l’incontro tra sole e onde dà vita a intensi riflessi blu. Il centro di Capri è caratterizzato da edifici imbiancati a calce, strade senza auto e lussuosi bar, ristoranti e hotel. In pratica, vi troverete catapultati in una commedia romantica tutta italiana!

#4: Isola di Capraia

Non dimentichiamo le 7 perle dell’Arcipelago Toscano: Gorgona, Capraia, Isola d’Elba, Isola del Giglio, Montecristo, Pianosa e Giannutri. Una piccola curiosità sull’origine del nome? È legata al mito di Afrodite, la dea della bellezza che perse 7 perle della sua collana che si ruppe nel Mar Tirreno, e che si trasformarono nelle isole dell’Arcipelago.

La più grande è l’Isola d’Elba, ma quest’anno date una possibilità all’Isola di Capraia. Riconosciuta come Parco Nazionale protetto, questa località è la meta perfetta per gli amanti della natura. Per una vacanza da relax da condividere con i pochi residenti e gli animali che la abitano. Potrete rilassarvi passeggiando intorno all’isola, tra i vigneti fino al suo suggestivo specchio d’acqua, il piccolo lago dello Stagnone.

Se vi aspettate tratti sabbiosi, devo deludere le vostre aspettative: qui salterete nel mare dalle calette rocciose! Lo sapevate che è stata una colonia carceraria chiusa solo nel 1986?

#5 Isole Tremiti

Un altro arcipelago che si vi consiglio come meta della vostra Esatate 2022 al mare è quello delle Isole Tremiti. La costa dell’Adriatico in Puglia. Luogo incatanto dove il mare è incontaminato, protetto dall’istituzione della Riserva Naturale marina,  il fondale è perfetto per le immersioni. Meta ambita, non solo per la meraviglia che la natura offre, ma anche per il silenzio e il relax che vi si trova.

 

Di Emanuela Carpanzano e Cinzia La Commare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.