Scordati di partire per mangiare qualcosa di tipico e di prelibato. La cucina non è così ricca e variegata come quella italiana. Ovunque sono diffusi fast-food, cibo da asporto, food street che ti fa viaggiare nel mondo spostandoti di soli pochi metri. Non c’è una vera e propria tradizione culinaria ma si trova cucina spagnola, italiana, argentina, giapponese, cinese, coreana, russa etc.

Cosa si mangia? Beh io vi consiglio assolutamente Chicken and Mushroom Pie, un tortino di stufato di pollo in una sublime salsa di funghi ricoperto da pasta sfoglia accompagnato da verdure. Anche questo piatto è più scozzese che inglese ma è veramente spettacolare. Non ho ancora capito la salsa come è preparata ma è assolutamente sublime al palato, così come il piatto di salsicce e patate che sono immerse in una crema di cipolla da leccarsi i baffi.

Altrimenti c’è il famoso fish and chip da assaggiare! Il posto migliore in cui assaggiare questi piatti è la catena di pub Nicolson (http://www.nicholsonspubs.co.uk/) la trovate sparsa in tutta la città. Si mangia benissimo e i prezzi sono accettabili. Il più bello è The Old Thameside Inn in London Bridge a pochi passi dalla metro London Bridge, direttamente sul Tamigi offre una vista spettacolare al tramonto della City e St Paul.

Vi ricordo che la cucina a Londra chiude alle 22/23 quindi superata questa soglia si potrà mangiare solo nei fast-food. Immancabile Mc Donald, Burger King e altri mille dedicati al pollo fritto. Io ho adorato Pret a Manger specializzato in minestre e sandwich. Ovviamente in ogni angolo c’è Starbucks. È assolutamente criminale non fermarsi a sorseggiare qualche frappuccino comodamente seduti sulle poltroncine mentre si sgranocchia un brownie o un muffin… fa un’atmosfera un po’ da pub di Friends.

Per chi volesse risparmiare di più allora potete acquistare direttamente al supermercato. Ce ne sono a milioni fornitissimi di cibi pronti da mangiare. I sandwich di Marks and Spencer sono i miei preferiti. Quello con bancon, pomodoro e insalata è mitico. Da Sainsbury’s invece potete assortirvi addirittura la vostra macedonia preferita.

Quindi chi dice che per mangiare si spende, o che si mangia male, sta dicendo un’eresia o non ama sperimentare le cucine del mondo.

Per chi teme che a Londra farà la fame dovrà ricredersi: c’è cibo ovunque anche a prezzi decisamente abbordabili. Prodotti, da ogni parte del mondo, invadono ogni angolo dei mercati e delle strade. Dal cinese, al giapponese, italiano, argentino, spagnolo, indiano, messicano per arrivare direttamente a quelle quattro ricette inglesi, che vi assicuro non sono per niente spiacevoli da assaggiare. Ma quello che vi lascerà senza fiato sono i mercati, tipo quello di Camden Town, invaso da bancarelle di tutto il mondo, addentrandoti tra le viuzze e i banchi vieni investito da odori speziati e tutti diversi. È una vera e propria mecca del food street. Sembra assurdo ma tra questi banchi ho mangiato la più buona pizza margherita degli ultimi anni, i piroji russi, e gli spiedini di pollo giapponesi, tutto assolutamente divino. Bisogna solo avere il coraggio di mettersi alla prova e assaggiare.

Poi beh, non dovete perdere la classica colazione con uova fritte e bacon, io personalmente ci ho fatto il bagno perché la amo. Dopo resti sazio fino all’ora di cena.

Alle 17 è rigoroso prendere un tè per sentirsi un vero inglese toccherebbe mettere anche una spruzzata di latte, solo a pensarci mi sento male… io mi sono portata dietro il limone dal supermercato 😀 Per non perdersi mai d’animo!

 Buon assaggio del mondo,

Fabiana

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *