Chi nella vita non ha mai sognato di partire all’avventura, zaino in spalla, un bell’itinerario e lasciarsi trasportare dall’orizzonte.

Il viaggio on the road, che sia in camper, in auto o in moto, ha sempre avuto il suo fascino. Quel senso di libertà, di anticonformismo, insomma, un’esperienza da provare una volta nella vita. Ma, la prima domanda che sorge spontanea è: dove dirigersi? Quali sono i luoghi migliori per vivere questo tipo di vacanza?

Sono molti, in realtà, tante le zone del mondo in cui ci si può inoltrare in una strada lunga kilometri e viste mozzafiato. Qui ve ne proponiamo alcuni.

Route 66

La mitica, leggendaria e inimitabile, chiamata oggi Historic Route 66, è uno dei principali miti americani. Lunga 3775 km collega Chicago a Santa Monica attraversando 8 stati (Illinois, Missuri, Kansas, Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e California).

Vero e proprio monumento nazionale. Espressione dinamica del Sogno americano rivolto verso ovest, è il simbolo di libertà e delle grandi emigrazioni del ‘900 verso le terre una volta poco abitate della costa occidentale.

Wild Atlantic Way (Irlanda)

Segnalata nel 2017 come una delle destinazioni privilegiate dal National Geographic Traveller, è la strada costiera più lunga al mondo. Si trova nella Contea di Donegal in Irlanda. La Wild Atlantic Way non vi deluderà, con i suoi 2500 km, il suo panorama mozzafiato e il tipico verde irlandese che farà sfondo al vostro specchietto retrovisore.

Cabot Trail (Canada)

Il Canada, il più freddo e europeo dei paesi americani, è sicuramente una delle mete migliori per un viaggio on the road. È possibile attraversarlo da ovest ad est (e viceversa) in qualsiasi stagione, non allontanandosi dal confine statunitense.

Inoltre qui si trova la fantastica Cabot Trail, una delle strade panoramiche più belle al mondo, precisamente in Nuova Scozia. Lunga quasi 300 km, attraversa il Parco Nazionale di Breton Hightlands.

Ring Road (Islanda)

Con la sua lunghezza di 1300 km, è la strada principale islandese ed attraversa tutto il paese. Essa parte da Reykjavík e, con un percorso circolare. Ci si ritorna dopo essersi fatti affascinare e conquistare da ghiacciai, cascate, villaggi di pescatori e geyser.

Milford Road (Nuova Zelanda)

Se avete tempo a disposizione per una vacanza alternativa perché non un viaggetto tra i fantastici paesaggi Neo Zelandesi? Qui si trova la Milford Road, entrata nella top 10 delle strade più belle del mondo, che va da Te Anau a Milford Sound, il fiordo più famoso della Nuova Zelanda. Il punto più alto tocca i 940 metri sul livello del mare.

Norvegia e Svezia

E perché non optare per un viaggio on the road tutto nordico? Entrambi ovviamente da fare in estate, ma ne varrà la pena.

In Norvegia, godetevi la capitale Oslo, e poi via verso nord, dove più si prosegue e più il sole tramonta tardi. Notevole l’altopiano Hardangervidda, dove gli amanti della natura potranno fare delle belle escursioni. Ma è soprattutto la strada che da Røldal arriva a Stavanger, ad essere un gioiello. Essa infatti vi permetterà di attraversare numerosi fiordi, rendendo spettacolare il vostro viaggio.

In Svezia invece partire e ritornare a Stoccolma, tra enormi laghi, pittoresche città e immense foreste è il modo più affascinante per scoprire la Svezia meridionale. E poi più su, sempre più su da Stoccolma e Uppsala e oltre per tutta la costa fino a lasciarla verso Capo Nord, per viaggiare incontro all’ignoto, lo sconosciuto, dove il cielo sembra più basso, quasi da toccare.

Sicilia e Toscana

Ed infine giungiamo in Italia. Benché non siano gli unici due luoghi in cui perdersi in un viaggio simile, devono essere menzionate. Sicuramente non è tipico italiano il concetto del viaggio  on the road, ma abbiamo bellezze da vendere. Dunque perché non adattare e adottare anche qui un’idea di viaggio all’insegna dell’avventura?

La prima, con i suoi templi greci, cattedrali normanne e palazzi barocchi che si alternano a paesaggi meravigliosi e spiagge da puro relax sarà una gioia da attraversare. Difficile scegliere cosa vedere, ma se il tempo è poco conviene scegliere la costa orientale da Taormina verso Ragusa e Modica.

La seconda, puro silenzio verde, con i suoi paesaggi tipici, le sue colline dolci, i borghi medioevali tutti da gustare con gli occhi. Le zone di Siena, con le sue colline, Montepulciano, e più a sud la Val d’Orcia e Val di Chiana, non vi deluderanno. Ma soprattutto in entrambi i luoghi non lo faranno il cibo e il buon vino, giusta ricompensa dopo tanto vagare.

Insomma, questo viaggio s’ha da fare.

Beatrice Ferrari.

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  • 2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *