L’argomento di cui vorrei parlare oggi è l’asessualità… avete capito bene, asessualità!

Quella A davanti sta a indicare una privazione, una mancanza di desiderio sessuale. In un mondo in cui la sessualità è esaltata come un baluardo, in cui la società sempre di più ci invita a non provare vergogna nell’esprimere liberamente i nostri desideri e ci invita a sperimentarci fa quasi strano parlare di asessualità. Sembra una condizione impossibile e fantasiosa in realtà esiste e accanto a quelle persone che si imbarazzano a celare la loro mancanza di desiderio sessuale, c’è anche chi sbandiera la sua condizione in modo aperto e libero, rivendicando con estrema tranquillità una vita senza sesso.

A questo punto è doveroso fare una precisazione perché l’asessualità non è un’astinenza. Le persone asessuali non provano appetiti sessuali mentre gli astinenti rinunciano per una propria scelta.

Ci sono persone che vivono una vita intera senza mai provare il minimo impulso sessuale nei confronti del partner, nonostante dal punto di vista emozionale provino uno forte sentimento amoroso. Alcuni possono anche avere normali rapporti sessuali con il partner anche se non sono mai loro a prendere l’iniziativa e piuttosto la subiscono.

Guardandola sotto una certa ottica, questa condizione può considerarsi una normalità nel caso in cui la coppia sia composta da due persone asessuali, che si incontrano e formano un intero armonioso, un incastro perfetto che va oltre l’aspetto sessuale della vita insieme perché nessuno deve mai sentirsi obbligato a fare l’amore.

Ma cosa succede quando queste persone incontrano un partner con una sessualità normale? In questo caso, quello che per molti non viene vissuto come una condizione problematica, diventa a tutti gli effetti un disturbo che investe la coppia. Uno dei due partner comincerà a sentirsi in difetto e l’altro poco desiderato, scatenando il cosiddetto cane che si morde la coda.

Per la psichiatria, a quanto ne dicono gli asessuali, la mancanza di desiderio sessuale è considerato un vero è proprio disturbo che colpisce la sfera del desiderio partendo dal presupposto che siamo tutti uguali rispetto all’appetito sessuale perché nasciamo corredati di organi e ormoni necessari per preservare la specie.

E voi vi sentite più asessuali o sessuali?

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  • 4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *