“Stanotte non riesco proprio a dormire!” Questa è la frase che tanti di noi dicono non appena arriva l’ora di andare a letto, ma in pochi sanno che l’insonnia può essere combattuta. Come? Scopriamolo assieme…

Insonnia, ecco il nome del disturbo che affligge le notti di moltissime persone, ma se vi dicessi che esistono dei rimedi, in altre parole, cose che possiamo o non possiamo fare, per non restare svegli a guardare il soffitto? Curiosi? La più importante è evitare di consumare bevande eccitanti come il caffè o il tè, prima di andare a dormire.

Se proprio ne vogliamo bere un po’, bisognerà farlo entro e non oltre le cinque del pomeriggio. Regina Elisabetta Docet! Altra cosa da non fare assolutamente per non andare a lavoro in modalità zombie è non dormire durante il pomeriggio. Ora so che il sonnellino pomeridiano è un must per molti, ma farlo non è corretto, perché si ripercuote negativamente sul sonno notturno, soprattutto sulla velocità in cui ci addormentiamo.

So che adesso storcerete il naso in molti, ma anche fumare è deleterio e lo è quasi quanto l’assunzione di cioccolata. Perché? Sono entrambi stimolanti e ci tengono svegli anche quando non vorremmo fare altro che chiudere gli occhi per un meritato riposo. La televisione e gli schermi di computer e telefonini sono una delle cose che dovremmo evitare di guardare prima di dormire. Sapete cosa succede ai nostri occhi quando restiamo per tanto tempo a fissarli? Si seccano e quella secchezza ci disturba e scatena l’insonnia. (P.s. se proprio volete, potete guardare un film, ma non horror, perché anche quelli ci tengono svegli!)

Cosa fare, allora, per vincere la battaglia contro l’insonnia? 

Il latte! Ecco la bevanda di cui dovete abusare prima di andare a dormire. Il latte caldo, preso prima di dormire, scatena un aminoacido che si chiama triptofano e, che ci crediate o meno, che ci rilassa e favorisce il sonno notturno, come e più della chiacchierata camomilla. Fate una camminata lunga, o magari  brevi ma tante che possano stancarvi e soprattutto rilassarvi. Per esempio, io ho preso l’abitudine di andare a fare la spesa o di raggiungere le case dei ragazzi a cui faccio ripetizioni a piedi. Fate attività fisica prima di dormire: lo yoga può aiutare a rilassare i muscoli e a favorire il sonno.

Possono aiutare anche i tappi per le orecchie per chi ha i vicini rumorosi e un bel bagno caldo per chi a lavoro si stressa. Oltretutto, anche le tecniche di rilassamento aiutano a riportare la calma necessaria per dormire. Anche il sesso aiuta! Pare che l’attività sessuale rilasci nel corpo delle sostanze che facilitano l’addormentamento!

E se non dovesse funzionare?

Le risposte possibili a questa domanda sono due: erboristeria o farmacia. In erboristeria possiamo provare rimedi naturali come le buonissime tisane alla valeriana, al biancospino, alla passiflora o al tiglio; o magari possiamo provare con le pastiglie di melatonina, che contengono praticamente tutte le erbe che ho elencato sopra. Se proprio non riusciamo con questi cure naturali, possiamo rivolgerci al medico per esporre il problema.

Fateci sapere se adottate uno di questi rimedi, siamo curiose!

Gioia De Bonis.

  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
    26
    Shares
  • 26
    Shares

4 Comments on “Insonnia: come affrontarla”

  1. Contare le pecorelle? Nah non ha mai funzionato…Io e i tappi invece abbiamo un rapporto duraturo, soprattutto quando il mio fidanzato russa come un demonio😂
    Devo provare il latte❤💕

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *