50 sfumature di… Gricia!!!

Non avrete mica pensato che parlassimo ancora del successo editoriale o cinematografico???

Io cucino…. FORTE!!! (cit. Christian Grey)

Avete mai sentito parlare di ‘Gricia’?

Speriamo di sì, nel caso però che non fosse così, colmiamo questa vostra lacuna di cucina tipicamente laziale.

La gricia (o griscia) non è altro che un’amatriciana in bianco, un’antenata di questo famosissimo primo piatto, precedente all’arrivo del pomodoro nel nostro paese.

E’ originaria di Amatrice, città tristemente nota a causa del recente terremoto che ha distrutto buona parte del territorio, divenuto poi primo piatto simbolo della cucina tipica laziale.

La ricetta originale è decodificata e non ammette deroghe di interpretazione, nel senso che necessita di ingredienti precisi (guanciale e pecorino).

Ingredienti (per 4 persone):

350 g di spaghetti (noi abbiamo usato i fusilli)
200 g di guanciale
150 g di pecorino romano
Sale q.b. (per l’acqua della pasta)
Pepe q.b. macinato fresco

Procedimento:

Innanzitutto portare a bollore in una pentola capiente abbondante acqua.

Nel frattempo in una padella a fuoco basso far dorare dolcemente il guanciale tagliato a cubettini.

Mettere a cuocere gli spaghetti e tenere da parte un ciotolino con 2 mestoli di acqua di cottura.

Grattugiare il pecorino e tenere da parte; scolare la pasta al dente poi unire il pecorino, un mestolo di acqua di cottura e il grasso rilasciato dal guanciale, mantecando bene fuori dal fuoco.

Se necessario aggiungere ulteriore acqua di cottura e infine i cubettini di guanciale e una spolverata di pepe macinato fresco.

Volendo potete decorare con una cialdina di pecorino grattugiato: basta scaldare una padellina antiaderente leggermente oleata e aggiungere appena raggiunto il calore un leggero strato di pecorino.

Attendere un attimo e appena diventa dorata con una spatola girarla sull’altro lato per cuocere 30 secondi.

Togliere dal fuoco e arrotolare come fosse un cono gelato.

Servire subito e… buon appetito!!!

A presto,

Lory & Valina

  • 9
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *