Quanto avete aspettato per questo terzo e ultimo epidosio di Cinquanta sfumature? Immagino tanto, o almeno una parte di voi. Tutto sommato il cinema è bello perché è vario! Un po’ come il mondo e tutte le sue sfumature. Che siano di grigio, di nero, di rosso o di qualunque altro colore, per fortuna possiamo scegliere!

E gli appassionati della saga, questo San Valentino potranno scegliere Cinquanta sfumature di rosso! Esce nelle sale cinematografiche giovedì 8 febbraio, tra una settimana esatta, e già se ne parla in tutti i luoghi, in tutti i laghi, in tutto il mondo e, per un motivo o per un altro, credo che un po’ tutti non vedano l’ora che esca, chi per vederlo, chi per vederlo… passare.

La saga è stata da sempre oggetto di discussioni più o meno accese, su più campi, su più punti di vista. Da parte dei lettori, da parte dei non lettori, da parte dell’opinione pubblica per le tematiche o da parte di critici più o meno attenti che più che sul libro e poi sul film hanno avuto da ridire sul suo incredibile successo.

Ma non è bello ciò che bello, è bello ciò che vende… cioè, che piace! E Cinquanta sfumature, piace! Quindi si possono scrivere articoli di giornale, si possono pubblicare recensioni poco positive, si possono nascondere note di disprezzo più o meno velate tra le parole, si possono scrivere post su facebook, fare dirette su instagram, alla fine dei conti le sale saranno piene di appassionati.

Appassionati di lettura, di storie romantiche, di avventura, di Jamie o di Dakota e tutti questi appassionati saranno felici di questa lieta notizia, di vedere finalmente al cinema questo utlimo attesissimo episodio.

Ultimo episodio firmato nuovamente da James Foley, perché La James, autrice dei libri, con Sam Taylor-Johnson non andava poi così tanto d’accordo. L’autrice già nel primo film voleva che il film fosse esplicito come il libro… voleva l’audacia, la forza delle parole dei protagonisti tradotte in immagini. Sam Taylor-Johnson pare non aver soddisfatto l’autrice nella trasposizione cinematografica del primo libro e dunque non se ne sentirà parlare neppure per questo terzo episodio, dove James Foley pare aver capito pienamente le esigenze della James che solo di tanto in tanto si sente in dovere di intervenire sulle scelte registiche.

Insomma, ne vedremo delle belle. I “candidi” e innamotari Anastasia e Grey riusciranno a godersi il loro matrimonio o qualcuno proverà a mettere i bastoni tra le ruote? Ovviamente la risposta è la seconda, ma per saperne di più, andate al cinema, oppure niente, scegliete un altro film e siamo tutti più felici.

Buone sfumature a tutti, e scegliete attentamente i colori!

  • 42
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    42
    Shares

32 Comments on “Cinquanta sfumature di rosso: Al cinema dall’8 febbraio”

  1. Odio da morire sia i film che la serie di libri. La figura femminile è davvero povera e stereotipata. E pure i libri non sono capolavori secondo me. Spero che finisca presto la serie che pare eterna 😅

  2. Ho letto i libri, qualcosa mi è piaciuto, qualcosa non mi è piaciuto, altro l’avrei voluto diverso. I film: il 1° brutto il montaggio, c’erano dei punti salienti. voto 6; il 2° meglio da punto di vista del montaggio, le cose importanti erano state riprese, voto 7; il 3° lo scopriremo..

  3. Ogni volta che vedo il trailer non vedo l’ora per poi arrivare alla proiezione e rimanerci sempre di m***a. Il secondo sotto alcuni aspetti è stato girato meglio rispetto al primo. Vediamo con questo terzo. Fatto sta, meglio sempre e comunque i libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *