Nell’immaginario collettivo, quando si parla di gioco in età adulta il primo pensiero va al più classico esempio di uomo che, nonostante il passare degli anni, rimane fedele ai propri videogames e alle passioni che sin da piccolo l’hanno accompagnato nel percorso di crescita.

Si sa, per i maschi è abbastanza difficile rinunciare a una partita alla Playstation, magari anche in buona compagnia, eppure negli ultimi tempi la tendenza sembra colpire sempre più anche l’altra metà del cielo.

Secondo alcune statistiche condotte negli Stati Uniti, infatti, oggi ben il 40% degli acquirenti di videogiochi è composto da donne e il trend sembra essere in crescita. Sebbene i test siano stati sostenuti da utenti casuali in maniera volontaria, il che rende il campione meno rappresentativo, appare comunque evidente come, rispetto a qualche anno fa, i videogames siano oggi ritenuti molto più attraenti anche dalla popolazione femminile. È chiaro come la tipologia di gioco influenzi la scelta, infatti alcune categorie come sport e sparatutto rimangono appannaggio degli utenti uomini, ma questo non fa che accrescere la curiosità verso il fenomeno. Quali sono infatti i videogiochi preferiti dalle donne? E perché questo boom?

Indubbiamente lo smartphone sembra essere uno dei principali artefici di questo cambiamento:

le donne amano sempre di più, infatti, utilizzare i propri dispositivi mobili non solo per essere social, ma anche per divertirsi con app di svago e passatempo. Se le classiche console, infatti, non attraggono particolarmente la popolazione femminile, le app per giocare on line da cellulari e tablet sembrano invece incontrare il loro favore: c’è chi ama i rompicapo, come gli ormai noti Candy Crush SagaFarm Heroes Saga, e chi invece preferisce i simulatori come The Sims, ma è forte anche l’attrazione per il tavolo verde, riproposto in versione virtuale da operatori come PokerStars, che propone un’app studiata per massimizzare livelli di divertimento e sicurezza dei dati personali.

Entrando più nel dettaglio sono proprio i giochi del genere Match 3, ossia i puzzle alla Candy Crush, quelli più amati dalle donne, con una percentuale di preferenze pari al 70%, che dividono il primato con i titoli del genere Sim, quindi The Sims, Animal Crossing, Harvest Moon, e così via. Buoni risultati vengono registrati anche per la categoria MMO High Fantasy, come World of Warcraft, e per giochi di esplorazione e storie interattive, senza dimenticare i già citati giochi di carte e casinò, che ottengono a sorpresa i favori del pubblico femminile.

A marcare la differenza di gusti tra uomini e donne, sono però gli obiettivi attribuiti al gioco stesso:

se i primi amano la competizione e la “distruzione”, ed ecco dunque l’attrazione per gli sport, i giochi di guerra e gli sparatutto, per le giocatrici è invece importante costruire, raggiungere obiettivi ben precisi e utilizzare la fantasia, aspetti legati a un maggiore desiderio di usare il gioco per mantenere attivo il cervello anche nel tempo libero.

È anche per questo motivo che le donne sembrano sviluppare in tale ambito un interesse più “volatile”, legato a singole esperienze di gioco anziché a vere e proprie maratone sullo schermo, ma è interessante notare come ciò si traduca non in un più rapido abbandono dei titoli prescelti ma solo in una differente modalità e tempistica di svago: un’altra delle piccole differenze di comportamento nella vita di tutti i giorni, che rendono da sempre affascinante l’intenso rapporto di “amore/odio” tra le due parti dell’universo.

Photo by SiuKiu903, Creative Commons 3.0

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *