Da dove viene tutto quel sangue che in ospedale riesce a salvare tante vite ogni giorno? Da persone comuni, come noi, che decidono di iniziare a donare il sangue.

donare il sangueLa donazione di sangue è una pratica diffusa in tutto il mondo. In alcuni paesi viene pagata persino in denaro, ma qui, in Italia, è su base del tutto volontaria. Perché allora dovremmo farlo? I motivi non sono né pochi e neppure banali. Al contrario, donare il sangue è veramente importantissimo, per chi lo riceve e per chi lo da!

Donare il sangue è un regalo speciale!

Innanzitutto, il gesto della donazione è importantissima perché si possono davvero salvare delle vite. Il sangue non cresce sugli alberi. Tra le vene scorre un bene preziosissimo che risolve problemi gravissimi. Non vi basta sapere di aver salvato una vita o aver aiutato qualcuno? Donare il sangue fa bene anche a voi. Ma come?

Sapete che chi dona il sangue è costantemente monitorato?

Ebbene sì, donare il sangue è molto conveniente per la nostra salute. Ad ogni donazione (tre all’anno per gli uomini e due all’anno per le donne) vengono effettuati degli esami del sangue. I risultati di questi vengono spediti o consegnati al donatore. Inoltre si è esenti dal pagamento di certi esami inerenti all’apparato cardiocircolatorio per motinorare lo stato di salute del donatore. Per esempio, una volta all’anno, potremo fare un elettrocardiogramma totalmente gratuito.

Donare il sangue non ci conviene solo economicamente per gli esami da fare!

Questo “ricambio”di sangue che viene tolto e poi riprodotto dal nostro corpo aiuta lo stesso in meccanismi molto importanti. Donare il sangue infatti riduce il rischio di sviluppare diabete mellito e patologie all’apparato cardiovascolare.

Purtroppo però non tutti possono donare il sangue. Bisogna avere un peso minimo di 50 kg e rientrare in non troppo restrittive caratteristiche. Ma scoprirlo è facile! Basta contattare una delle tante onlus che si occupano di donazione e scoprire se si è dei potenziali donatori!

La donazione è un prelievo di sangue di meno di mezzo litro. Può durare dai 10 ai 20 minuti, dipendentemente dal flusso del sangue e non è più doloroso di un semplice prelievo! Non abbiate paura e, se ne avete, superate i vostri stessi ostacoli!

Alessia Di Maria

  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
    56
    Shares
  • 56
    Shares

46 Comments on “Donazione di sangue: qualche motivo per farlo”

    1. Carmelinda M. Bellini Brava! Io prima ho dovuto fare i conti con la mia totale assenza di coraggio. Tutt’ora quando dono mi giro dall’altra parte e parlo continuamente per distrarmi 😂. Oltre alla paura generale mi fa proprio troppa impressione anche solo immaginare il prelievo. Però era una cosa che volevo iniziare a fare assolutamente. La mia paura la considero una stupidaggine in confronto al bene che si può fare! Poi ovviamente è soggettivo. C’è chi non riesce a combattere la paura per una fobia imbattibile.

    1. Alessia Di Maria sono svenuta durante il primo prelievo… Non ti dico che casino ho combinato (me l’ha raccontato mio marito) dottori e infermieri tutti nel panico… E comunque le analisi dicono che ho il ferro troppo basso (e il medico mi ha fatto capire che se la pressione mi si butta giù con tre fialette, figurati con una sacca) 😶

    2. Elena Taroni Dardi assurdo! Ma teoricamente avrebbero dovuto capirlo dalla predonazione ☹️ un malore può succedere se si mangia poco la sera prima oppure se si parte già con la pressione tendenzialmente bassa e non si mangia e non si beve nulla la mattina della donazione. Però il tuo è proprio un problema nei valori, avrebbero dovuto capirlo ☹️

    3. Alessia Di Maria forse non mi sono spiegata bene. Sono stata male durante il prelievo per l’idoneità alla donazione, quando ti visitano e prendono il primo campione per l’analisi. Sono stata respinta su tutta la linea! 😭

    4. Alessia Di Maria sì é sempre stato bassetto, quando è alto é comunque appena sopra la soglia. Avevo pensato alla plasmaferesi però anche lì mi hanno sconsigliato perché per il mio gruppo il plasma non è molto richiesto.

    1. Alessia Di Maria purtroppo questo accade perché c’è molta poca informazione.. io non ho dato peso alla paura ma ho pensato a chi potrei salvare.. ADMO (Associazione Donatori di Midollo Osseo) può darti tutte le informazioni ❤️

  1. Anch’io ho iniziato quest’anno, dopo un prelievo che mi ha fatto capire che gli aghi non mi danno così fastidio come ricordavo. Sono donatore universale e mi sono sempre sentita in colpa per non averlo fatto prima 😅 ho solo la pressione un po’ bassa ma con qualche accortezza prima di donare nessun problema 👍

    1. Alessia Di Maria esatto, mangiare un biscotto, qualcosa di secco, bere caffè e liquirizia. L’ultima volta (che è stata anche la prima) avevo la pressione perfetta e sono stata bene, stanchina ma niente di che 🙂

  2. Dono dai 18 anni, sono iscritta admo e credo che sapere di poter aiutare gli altri con questo gesto sia impagabile. Il vero dono è la gioia che si prova nel poter aiutare gli altri in maniera gratuita e sicura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *