Cari lettori, buongiorno!

Io lo so che aspettavate una trepidante recensione della nuova puntata di Sanremo, come faremo quando finirà? Io chiederei a Maria e Carlo di continuare a condurre insieme: li adoro, sono una coppia perfetta! Sanno rapportarsi con ogni ospite nel giusto modo e sanno concedersi i propri spazi, sono davvero perfetti, anzi, di più! Anche questa volta la vostra Yls è rimasta a vedere tutto Sanremo solo per voi e prima di cominciare vorrei dire una cosa: chi sceglie i vestiti dei cantanti? Per favore, fatemelo sapere. Gabbani è l’unico promosso in toto con i suoi bellissimi maglioni!

Comunque, abiti a parte, la serata si è aperta con la seconda parte della semifinale della categoria giovani. Belle canzoni, non c’è che dire, ma devo essere sincera: Maldestro e Lele hanno meritato di andare in finale. Nulla da togliere a Tommaso Pini e Valeria Farinacci, sia ben chiaro, ma ho trovato i primi due cantanti più preparati e quindi più “degni” se così si può dire, di vittoria. Comunque posso dire che il livello dei giovani di quest’anno è davvero altissimo: sono davvero dei talenti e sono contenta che vengano sentiti all’inizio (cosa che avviene dall’anno scorso se non erro!) in modo che possano aprire il festival.

Le cover e i big in gara. Ahi, ahi, ahi. Questa sera ho trovato un sacco di big veramente sotto tono! Ho amato Chiara, Paola Turci, Francesco Gabbani, Michele Zarrillo, Elodie, Michele Bravi e Sergio (con la partecipazione dei Soul System), una menzione speciale va a Masini e ad Ermal Meta, ma gli altri? Li ho trovati molto spenti. Il grande problema, a mio avviso, è che sono stati scelti grandi cantautori o le canzoni non erano azzeccate alla voce dei cantanti. Un vero peccato perché ci sono state scelte molto originali. I vincitori sono stati azzeccati perfetti, davvero. Congratulazioni ad Ermal Meta, ma anche a Paola Turci, arrivata seconda e Marco Masini, arrivato terzo!

Cosa posso dire degli ospiti? Come ogni sera, il momento Crozza è stato apprezzatissimo: Maurizio Crozza si rivela essere (come sempre) genio della satira, sapendo far ridere con battute sagaci ed intelligenti, ma soprattutto con una satira mai volgare e ben mirata a far riflette! Mika è stato grandioso e il suo tributo a George Michael mi ha fatta venire i brividi e non sto scherzando: grandioso. Anche lui è in grado di prendersi in giro e l’ho amato. Luca e Paolo con la collaborazione di Maria De Filippi sono stati speciali. Grandi pensieri anche da loro che hanno comunque saputo far ridere e sorridere. Il coro dello Zecchino D’Oro è stato bellissimo, all’inizio, tra giovani e big. Quei bimbi erano teneri e risentire i grandi pezzi dello Zecchino mi ha fatto molto piacere. L’orchestra del Paraguay mi ha fatta piangere: strumenti ricavati dalle cose buttate nella discarica. Ammirevoli. Altre apparizioni sono quelle di Gasman, figlia e nipote di Delon e Belmondo, due bellissime ragazze cui le scale hanno dato problemi (come a tutti…), l’ostetrica da 7642 nascite, la donna di centocinque anni ed infine, ma non meno importante, LP (Laura Pergolizzi) cantautrice statunitense che qualcuno dice potrebbe essere il nuovo Bob Dylan! Eccezionale. Una voce meravigliosa sotto ogni punto di vista!

Per quanto riguarda il ballottaggio, purtroppo non si sono salvati Alice Paba con Nesli e Giulia Luzi con Raige che, per questo, vengono eliminati dalla finale! Vanno avanti, invece Clementino, Bianca Atzei, Giusy Ferreri e Ron.

Vi lascio con il ciaone di Maria e Other People di LP e torno a prepararmi per la semifinale di Sanremo! Sta già per finire, questo è veramente ingiusto!

Alla prossima,
Yls.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *