Uno dei problemi che sostengono la bieca scelta dell’abbandono è l’arrivo dell’estate e l’attesissima vacanza al mare. Tra l’impegnarsi a trovare un luogo dove portare il proprio cane o uno dove poter andare insieme al proprio amico a quattro zampe, si preferisce la strada più comoda.

dog-1022329_1920Ma negli ultimi anni tanti luoghi di ricezione turistica si stanno adeguando alle nuove esigenze delle famiglie e sempre più alberghi e spiagge accolgono tutti, bipedi e quadrupedi. Questo è di certo un importante contributo alla lotta contro l’abbandono anche se sappiamo bene che spesso non basta. Ad ogni modo persino nella nostra Italia sono sorti lidi aperti ai nostri cani. Dalla testa dello sivale, fino alla punta, i cani potranno seguirci, non proprio ovunque, ma il numero dei luoghi che li accoglie non fa che aumentare. Barcellona, però, quest’anno, si è superata. La città catalana ha accolto una petizione online che chiedeva al comune di aprire un lido dedicato agli amici a quattro zampe, e la città ha ben accolto al proposta dato il numero elevato delle firme raccolte.
La spiaggia per cani verrà realizzata alla Mar Bella, nella zona del Poble Nou. Ai cani sarà dedicato un ampio spazio dove correre e tuffarsi, un’area gioco, la toilette, la doccia, senza sapone, il punto acqua e l’area per i bisognini. Ai padroni sarà riservata un’area su misura di umano. Ombrelloni, sdraio e tanto divertimento. Esistono, come dicevamo, anche in Italia lidi che accolgono cani, ma il vero problema in fondo nasce quando le discussioni iniziano con i vicini, non con i proprietari. Già in tanti hanno manifestato disappunto per questa scelta, così come anche qui bisogna sempre fare i conti con le lamentele di chi cani non ne ha o per scelta personale preferisce tenerli in casa. Il proprietario ti da il permesso ma la convinvivenza va ben coltivata con il vicino. Sarà sempre possibile? Intanto aspettiamo l’inaugurazione di questo lido con gioia, perché, anche se siamo nel 2016, è decisamente un grande passo.

Bau House

Alessia Di Maria

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *