E’ venerdì, e questo su Tratto Rosa è sinonimo di Interviste!
Oggi abbiamo il piacere di conoscere meglio la scrittrice Leda Moore.

51cFd21F+cL._SX351_BO1,204,203,200_

 

Dato che siamo molto curiose, partiamo subito con le domande:

D: Prima di tutto benvenuta sul nostro sito, parto subito con la prima domanda. 
Qual è stata la primissima cosa che hai scritto? L’hai fatta leggere a qualcuno o è rimasta in un cassetto?

R:il primo libro che ho scritto e’ Manuel tra odio e amore e subito dopo ho scritto il seguito: Manuel tra gelosia e follia. Avevo la storia in testa ma non avendo mai scritto nulla in vita mia e non avendo molta confidenza con il PC ho trovato molte difficoltà. Tuttora sono consapevole che ci sono diversi errori, infatti lo sto rivendo. Sono autodidatta e faccio tutto da sola. So che devo imparare ancora molto ma se non si inizia non si può di certo imparare a fare la scrittrice.

D: C’è un romanzo al quale ti senti più legata? Perché?

R: il primo amore non si scorda mai! Quindi Manuel

D: Quali sono secondo te i pro e i contro dell’essere una scrittrice, dell’avere questa passione?

R: Fai sicuramente un lavoro che ti piace e ti appassiona ma passi gran parte del tempo al PC. Le critiche sicuramente a volte ti demoralizzano ma i commenti positivi ti aiutano ad andare oltre e a continuare con sempre più passione.

D: Quando scrivi ti identifichi nei protagonisti o li vedi come spettatrice al di fuori dalla scena?

R: Non mi identifico ma guardo come spettatrice e scrivo ciò che avrei voglia di leggere.

D: Preferisci scrivere in terza persona o in prima persona?  Passato o presente?

R: Prima persona. Preferisco il presente.

D: Che opinione hai del self-publishing e di chi si autopubblica?

R: Io sono Self e sto bene così, senza vincoli e senza padroni.

D: Hai mai affrontato il famoso blocco dello scrittore? Come lo hai superato?

R: Blocco ancora no. Credo sia presto.

D: L’ultimo libro che hai pubblicato? Com’è nata la storia?

R: L’Innocenza di Lara l’ho scritto dopo aver scelto il titolo. Mi piaceva l’idea di focalizzare l’attenzione più sulla protagonista femminile.

D: Hai già in programma nuove storie da scrivere? Prossime pubblicazioni?

R: Sto scrivendo un nuovo libro. Spero di riuscirlo a pubblicare presto.

D: C’è qualcosa che vuoi dire a chi leggerà questa intervista?

R: Di sostenere le autrici Italiane. Personalmente penso che ce ne siano molte davvero brave.

D: Ultima domanda: cosa auguri a te stessa per il futuro?

R: Ho le cose più importanti, quelle che contano veramente. Quindi mi auguro di mantenerle anche nel mio futuro.

Grazie per aver dedicato il tuo tempo a questa intervista. 

  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *