Trattine mie care, oggi vi parlerò di micro bag, ovvero di quelle borsette lillipuziane di grande tendenza per la primavera e per tutta l’estate. C’è chi dice che le ritroveremo negli store anche il prossimo inverno, ma mi chiedo: l’ombrello, dove lo mettiamo?

Per chi come me è abituata alla magica borsa di Mary Poppins, in formato maxi, dove, mettendo il naso, riuscite a trovare anche il biglietto del primo concerto in Italia dei Back Street Boys, sarà una tragedia greca adattarsi al format mignon. Una vera catastrofe, non poter portarsi dietro tutte quelle cose che inscatoliamo come tonni nella nostra bag solo perchè, potrebbero servirci. A cosa serviranno poi tutti quei bigliettini da visita insieme al bastone da selfie è un mistero religioso.

Senza considerare tutto il peso da bilancia impazzita che scarichiamo sulle nostre spalle, che pure un asino mollerebbe. Perciò, si trattine, non posso che essere d’accordo con la tendenza lanciata dalle passerelle, se non altro per apprezzare la bellezza dell’essenziale, e del sentirsi leggera come una piuma.

Perciò impariamo a scegliere cosa mettere in queste mini borsette. Io direi il nostro ormai inseparabile cellulare, un rossetto, una banconota consistente e le chiavi di casa. Tutto il resto è superfluo.

Vediamo ora come le Maison hanno concepito queste micro bag.

Perfette sia di giorno che di sera, le micro bag sono soprattutto colorate e vistose, sfruttando le nuances più allegre della palette e la fantasia più spiccata. Monocolore e multi color. Il formato bonsai si esprime in mini shopping, tracolline, o piccoli bauletti, da portare a tracolla, in mano o da agganciare alla cintura. Le misure variano da mini a mignon. E se proprio non potete fare a meno delle vostre cose superflue, potete sempre portarle a grappolo, ovvero tante mini bag, come foste dog sitter in città.

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *