Hello, cari lettori! Rieccoci tornati con una nuova recensione per voi. Oggi vorrei parlarvi di una piccola perla che ho scoperto per caso. Si tratta di Cenerentola Pop di Paula Pimenta, di origini argentine e, da come potete ben intendere dal titolo, è una rivisitazione in chiave moderna della tanto amata fiaba di Cenerentola. Ci sono delle somiglianze e delle differenze con la storia originale e questo mi ha sicuramente molto incuriosita e mi ha portata ad acquistare il romanzo. Se amate le fiabe disney, vi consiglio di rimanere attaccati alla recensione, sperando che possa consigliarvi su un possibile acquisto!

6928070_1698013Dunque, Cenerentola Pop è un libro edito in Italia da ElectaYoung, una casa editrice di cui ogni tanto leggo libri, ma di cui effettivamente sento poco parlare. Poco male, se devo essere sincera, ho trovato il lavoro di editing degno di una signora casa editrice, ma prima di parlare di ciò, vorrei parlarvi della copertina. Cenerentola Pop presenta una copertina molto sobria e non troppo pomposa. L’immagine della gonna e delle converse è un perfetto richiamo alla fiaba originale, al vestito bianco di Cenerentola e al mondo moderno in cui la bella fiaba si fonde con la realtà che ci circonda. Certamente una copertina così, tra molte più lavorate o sempre uguali, richiama l’attenzione e, anche per questo, ho deciso di leggere il romanzo di Paula Pimenta. Insomma, ElectaYoung è stata promossa in quanto a creazione di copertine, semplice e adatta alla storia, la copertina ci fa dare una prima sbirciata a ciò che poi troveremo una volta che apriremo il libro.

Questo young adult mi è piaciuto, non lo nego. Sotto sotto sono anche io una incredibile romantica e Paula Pimenta ha riacceso quel mio lato che cerco di mantenere il più sopito possibile. La storia è delicata, ma non ridondante come ci si potrebbe aspettare, ci sono numerosi cambiamenti rispetto a ciò che siamo abituate a vedere nella Cenerentola classica: la madre della protagonista non è morta, ma è semplicemente in viaggio di lavoro. Il padre non è visto come un uomo buono, ma come un traditore e per questo odiato dalla figlia. Personaggi che troveremo comunque sono la matrigna e le due sorellastre, di una cattiveria unica e, soprattutto, il principe azzurro che, in questa versione, è una star della musica. Un altro punto a favore per la storia è la presenza della zia della protagonista e della migliore amica, assolutamente due fate madrine eccezionali. I personaggi, dunque, sono tutti approvati. Cenerentola Pop è straordinario.

L’ambientazione è nuova. Non siamo più negli Stati Uniti, ma nell’America Latina, da cui proviene anche Paula Pimenti, la scrittrice. Beh, è chiaro che anche questo punto gioca a favore di tutte le vicende. Mi è piaciuta questa ambientazione più ‘esotica’ e meno tradizionale del solito, ecco.

Ora veniamo al punto per me più importante e alla quale sono molto sensibile: la lavorazione di editing e di traduzione. Leggendo il romanzo, in qualche ora per altro, ho notato subito quanto fosse scorrevole e leggero. Cenerentola Pop è stato tradotto in maniera sublime, tanto che si arriva con una notevole rapidità al finale della storia, quando vorresti leggere di più, molto di più. La grammatica è ineccepibile e non ho nemmeno trovato un errore di battitura e questo l’ho molto apprezzato: ElectaYoung deve continuare così, potrebbe diventare la mia casa editrice preferita!

Non credo mi resti altro da dire su Cenerentola Pop. Io vi invito a leggerlo perché Paula Pimenta si merita di essere conosciuta! Anche per questa volta, il mio tempo è finito! Fatemi sapere se lo avete letto e cosa ne pensate, a presto piccoli divoratori di libri!

Alla prossima,
Yls.

13244872_278503879151039_7692919659396933458_n

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *