index

Buongiorno miei divoratori di libri! La vostra Yls è tornata da voi per recensire uno dei nuovi romanzi di Jennifer L. Armentrout, anche conosciuta come J. Lynn. Di che romanzo parlo? ‘Il problema è che ti amo’. Nuovo young adult dalle sfumature romance. Vi era mancata questa scrittrice? A me molto, sopratutto perché ho amato la serie ‘Ti aspettavo’, dunque non potevo proprio resistere alla tentazione di comprare questo nuovo romanzo! Questo young adult è edito da Nord ed è uscito il 7 Luglio 2016 in Italia. L’attesa è stata tantissima, non solo da parte mia, ma anche da parte di milioni di lettori italiani. Sono contenta di dirvi che la Armentrout non ha deluso le mie aspettative!

Il problema è che ti amo è un romanzo autoconclusivo (che spero si trasformi in serie) che in America sta già spopolando e non c’è bisogno di domandarsi il perché! Gli uomini descritti dalla Armentrout sono estremamente sexy e accattivanti, ma anche molto dolci e protettivi nei confronti delle donne che amano ed è il caso di Rider Stark, protagonista della nuova avventura romance. Che dire? La Armentrout ha trovato ancora un modo per farci sognare ad occhi aperti. Mallory è una ragazza che ha sempre vissuto in affido e che, dopo un terribile incidente, è riuscita a farsi adottare. Per quattro anni, la giovane ha studiato a casa soprattutto per via della sua difficoltà a parlare, ma avendo il desiderio di iscriversi al college, ha deciso di frequentare l’ultimo anno di liceo in una scuola pubblica. Qui incontra Rider, amico di infanzia con cui ha condiviso la terribile esperienza dell’affido e la sua vita cambia drasticamente.

Ne ‘Il problema è che ti amo’ vengono affrontate dinamiche molto complesse e delicate. Può sembrare semplicemente un libro, ma la storia di Mallory e Rider potrebbe benissimo essere vera, potrebbe avvenire sotto i vostri stessi occhi senza che ve ne accorgiate e senza che qualcuno possa fare qualcosa fino a che non è troppo tardi. Trovo che la Armentrout abbia trovato il giusto modo di parlarne, in un modo molto delicato, ma soprattutto senza strafare e rendere il tutto inverosimile. Okay, si tratta di un libro, ma trovo che, in ogni caso, per trattare di certi argomenti bisognerebbe avere la sensibilità giusta, cosa che la nostra scrittrice ha saputo fare.

Per quanto riguarda la storia, trovo che sia ben strutturata, con la giusta quantità di angst e passione, ma se avete già letto qualcosa di questa autrice dovreste saperlo, in caso contrario vi invito vivamente a farvi una scorpacciata dei suoi romanzi. La traduzione è ottima e sono molto contenta di non aver trovato errori durante la lettura. Per quanto riguarda la copertina, invece, devo ammettere che è molto carina. Semplice, nulla di troppo complicato e di impatto. Se non conoscessi l’autrice e dovessi basarmi solo sulla copertina, comprerei il romanzo senza pensarci due volte cosa che, per altro, vi invito a fare.

I personaggi sono ben strutturati. Mallory, la protagonista, mi è piaciuta molto. Di solito non amo particolarmente le protagoniste femminili degli young adult, ma devo essere sincera: mi ha colpita e in positivo! Rider è il bel tenebroso di turno, ma ha un animo tanto dolce che non si può non amarlo. Personaggi secondari come Jayden ed Hector sono fantastici e non dimentichiamoci di Ansley, la migliore amica di Mallory! Paige, la ragazza di Rider, non mi è proprio piaciuta, invece. Capisco la gelosia, ma credo che sia semplicemente un’arpia. I coniugi Rivas, Carl e Rosa, coloro che hanno adottato Mallory, sono meravigliosi. Non sono totalmente assenti, cosa che spesso capita negli young adult, ma hanno una presenza costante, un punto in più per questo romanzo.

Trovo che la storia in sé, sia molto bella e la consiglio vivamente a tutti gli amanti dello young adult e del romance. Jennifer L. Armentrout con il suo ‘Il problema è che ti amo’, ha portato alla vita altri meravigliosi personaggi e storie che meritano di essere letti tutti d’un fiato!

E anche per oggi è tutto!

Alla prossima,

Yls.

13244872_278503879151039_7692919659396933458_n

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *