Un matrimonio combinato dalla scienza, può essere la strada giusta per trovare l’amore della vita?

matrimonio-a-prima-vista

E’ con questo quesito che ha avuto inizio la prima stagione di “Matrimonio a prima vista: Italia”, andata in onda ieri sera su Sky 1.

Ovviamente, io ero in prima fila sul divano di casa incollata con gli occhi alla TV. Curiosa come tanti di vedere se davvero 6 baldi giovani Italiani sarebbero andati fino in fondo nell’assurda decisione di sposare uno sconosciuto senza averlo mai visto prima. E non ci crederete, ma in tanti hanno partecipato alle selezioni! 

Però… c’è un però, all’inizio i candidati non sapevano per quale programma stavano conducendo questi “studi” sociologici. Sapevano che si trattava di qualcosa che avesse a che fare con l’anima gemella ma, quello che non sapevano era che si sarebbero sposati al buio.

Il Team di professionisti, formato da un Sociologo, uno Psicologo-Psicoterapeuta e una Sessuologa, ha informato i candidati del reale scopo del programma solo all’ultimo incontro prima di iniziare i colloqui per passare allo step successivo. Alla notizia del matrimonio a buio, la maggior parte della gente è andata via. Ma molti altri sono rimasti!
Ragazzi da Nord a Sud si sono detti disponibili a compiere questa follia.

Dunque, dopo diversi colloqui e “studi” gli esperti hanno formato le 3 coppie.

  • Marco e Lara che si sono sposati a prima vista sul Lago MaggioreImmagine
  • Fabrizio e Annalisa che sono diventati marito e moglie in Puglia senza essersi mai visti prima.Immagine1
  • Alessandra e Andrea che invece si sono sposati a prima vista nella Capitale.Immagine2
    Le coppie sono tutte legalmente sposate con rito civile e dovranno vivere assieme, come una qualsiasi altra coppia sposata, per 5 settimane. Durante la convivenza, al contrario di come accade nella normalità, dovranno conoscersi e riuscire ad innamorarsi a tal punto da decidere di non firmare la separazione alla fine dell’esperimento.

Il programma è stato piacevole, forse perché la curiosità era davvero tanta, ma se dovessi immedesimarmi nei protagonisti non penso che io sarei riuscita a prendere questa decisione decisamente coraggiosa e folle al tempo stesso.

Voi avreste accettato un matrimonio al buio?

 

Cinzia La Commare.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *