Di cosa fa male a micio e cosa fa male a fido, ne abbiamo già parlato. Almeno per sommi capi, quindi lo sappiamo.

Ma un piccolo ripasso non può che farci bene, sia per quanto riguarda quello che fa male ai cani sia per quanto riguarda quello che fa male ai gatti.

Ma… dipende sempre da noi?

Quando le case sono affollate e con loro le tavole, quando la festa dura circa da Natale al 6 gennaio, la sicurezza dei nostri amici a quattro zampe è messa terribilmente a rischio soprattutto da sviste e parenti poco rispettosi dunque ecco per voi qualche consiglio su come tenere sotto controllo la situazione.

  • Monitorare i parenti. Soprattutto quelli che “ai miei tempi i cani mangiavano qualunque cosa e vivevano cent’anni”. Sappiamo tutti che non è un’argomentazione valida. Bisogna individuare quali sono i parenti che potrebbero disobbedirci e che potrebbero dare da mangiare al cane. Non levategli gli occhi di dosso!
  • Non tenere cibo in luoghi vulnerabili. Anche se siete tanti e il cane o il gatto “figurati se non lo vede nessuno se si mangia la fetta di salmone dal piatto”, meglio sempre sopravvalutarli piuttosto che sottovalutarli, dunque, se il vostrno animale domestico starà libero per la stanza, fate particolarmente attenzione a dove poggiate i piatti.
  • Valutate la possibilità di tenerlo in un’altra stanza. Triste, chiaramente, ma certe volte “isolarlo” è un gesto fatto esclusivamente per il suo bene. Le feste piene di parenti sono pericolose. Metà di loro non avrà un cane a casa e gli darà dalla tavola qualunque cosa capiti a tiro pur di farlo andare via, incuranti del fatto che più riceveranno cibo dalla tavola e più resteranno lì supplichevoli ad aspettare la prossima offerta.

L’obesità è una patologia anche per i nostri amici a quattro zampe, non va presa sotto gamba ma sopratutto non va ignorata la possibilità che i nostri amici possano mangiare cose che noi sappiamo loro non possono mangiare, ma gli altri no.

Seguite sempre rigidamente la loro alimentazione, più di quando voi possiate curare la vostra stessa alimentazione. Perché se loro potessero mangerebbero sempre, ma non è proprio il caso.

Le feste sono momenti più “pericolosi” e fare arrivare al cane un pezzo di pizza con la cipolla dalla mano della nonna che si giustificherà con un “Tutto buono è. Niente gli fa al cane!”non è un rischio che possiamo e dobbiamo correre.

Cura, attenzione e… occhio ai parenti!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One Comment on “Natale con micio e fido: occhio all’alimentazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *