Buon inizio di settimana, io parto subito con il presentarvi una storia urban fantasy di Isa Thid edito GDS

b8355542-f79e-4852-babc-07ba51de4b20Autore: Isa Thid

Editore: editrice GDS

Genere: urban fantasy

Prezzo: 2,99€

Numero di Pagine: 191

Siti di vendita: streetlib – Amazon

Contatti : Facebook (Isa Thid) – Twitter (@isatgreen) – Blog (Maledetta Tastiera)

 

 

 

 

Descrizione

Il Mondo Specchio e il Mondo Umano si sono dissolti originando l’Ibrido.

Lara ha un potere sconfinato, ma nella sua mente ospita un abominio. Vera è la giovane tatuata della Profezia, ma il suo destino le è sconosciuto. Lucia si unisce alla resistenza, ma non può rinunciare alla magia.

Le storie si intrecciano e un mondo nuovo prende forma.

 

Trama

Sin da piccola Lara vede il Mondo Specchio attraverso qualunque superficie riflettente, per questo i genitori hanno tentato di curarla e poi fatta rinchiudere in un centro di salute mentale. A salvarla è stato lo zio, un vecchio alchimista che vive in una villa nella collina di Torino. Il romanzo si apre con un grande rituale in cui Lara unisce il mondo umano e il Mondo Specchio e genera l’Ibrido, accettando nella propria mente il suo doppio, un abominio dal grande potere.

Un anno dopo arriva a Torino un’altra ragazza, Vera, legata al Mondo Specchio da un tatuaggio e un’antica profezia. Assieme alla sua coinquilina Lucia, una strega wiccan, incontra Telemaco, reduce del Mondo Specchio che comanda la resistenza contro l’abominio e la sua ospite umana, Lara. Le storie s’intrecciano nel nuovo mondo Ibrido tra magia, combattimenti e decisioni difficili, mettendo alla prova l’amicizia e la morale delle tre ragazze.

Estratto (prologo)

Sembrava che danzasse. I singhiozzi la scuotevano in movenze disarticolate, al ritmo assordante del suo cuore. Le mani artigliavano i capelli corvini. Si avvicinava allo specchio imponente, si ritraeva.Quando i singhiozzi passarono, lasciandola preda del silenzio, alzò lo sguardo a cercare la propria immagine riflessa.
“Presto saremo insieme” sussurrò tendendo una mano. La fata mosca, ancorata con i piccoli artigli alla sua spalla, allungò a sua volta il braccio e con una vocina biascicante intonò un lamento d’amore. Il canto risuonava nel salone producendo un’eco stridente. Raschiava sui marmi del pavimento e sul legno centenario delle librerie spegnendosi negli angoli più bui, dove si nascondevano i topi.
Lara si strappò la fata dalla spalla e la fissò con odio. Poi si ricompose, la posò a terra e fissò lo sguardo sullo specchio.
“Ama solo te, questa piccola creatura ingrata. Ne conosci la ragione?” Il suo riflesso rimaneva immobile, inespressivo.
“Perché io non sono niente e mi perdo in ogni cosa” disse. “Non sono altro che il desiderio di te, il tuo negativo impotente. Per questo Dolore ama solo te, mio dolcissimo mostro.”

Biografia Autrice

Ho una trentina d’anni, una laurea in filosofia e una specializzazione in semiotica, sono romagnola ma ho studiato a Torino, poi ho vissuto e lavorato in Inghilterra e mi trovo ora in terra spagnola per un anno di volontariato.

Ad oggi ho pubblicato due romanzi (Ibrido con editrice GDS e Le guardiane con Damster editore), sul web c’è qualche mio racconto (Gaby, la morte e la lavanda su Fantasy Magazine; La masca su Speechless magazine) ma soprattutto continuo a cimentarmi in nuove sperimentazioni narrative e curo il blog Maledetta Tastiera.

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *