Queensland, isola corallina australiana, è dall’altra parte del mondo, esattamente a 16 mila chilometri da noi. Per arrivarci occorre: affrontare 24 ore di volo, passare attraverso 8 fusi orario, fare 6 scali. Però, una volta giunti a destinazione vi troverete di fronte un paradiso che vi farà dimenticare lo stress del viaggio.

Ribattezzato il Sunshine State, il Queensland, a nord est dell’Australia, offre uno scorcio mozzafiato della barriera corallina. Le sue spiagge bianchissime, la sabbia fine, il mare cristallino, i paesaggi naturali, sono il giusto pretesto per staccare la spina dalla vita quotidiana e dai suoi problemi, soprattutto grazie alla sua enorme distanza dal Bel Paese.

Se volete dunque allontanarvi dalle rotture e non pensare è a Queensland che dovete andare. Grazie alle sue bellezze stupefacenti, è adatta per dimenticare e rilassarsi.

Barriera corallina. Si estende per più di 2.300 km, e permette di fare esperienze di altissimo livello, tra cui immersioni subacquee, snorkeling, vela, noleggio di imbarcazioni a scafo nudo, crociere normali ed esplorative. E di nuotare tra specie ittiche rare e che tolgono il fiato per quanto sono meravigliosi.

L’oceano… Chilometri infiniti di spiagge bianchissime e mare cristallino, dove rilassarsi, correre o fare surf, specie sull’immacolata sabbia bianca di Whitehaven Beach, presente in diverse classifiche come una delle “spiagge più belle del mondo”. Dove scattare foto memorabili per i vostro follower su istagram e provare anche l’atmosfera eccitante della vita notturna della Gold Coast.

…e il Whitsundays. 74 isolette fra la barriera corallina e la costa. Il modo migliore per vederle tutte è sorvolarle a volte anche a pelo d’acqua. E fermarvi magari a vederne alcune in barca come il famosissimo atollo a forma di cuore Heart Reef. O Cid Harbour, dove le tartarughe vi nuotano attorno; o la Butterfly Bay, popolata da pesci a stisce gialle (pesci chirurgo) che vanno ghiotti per i gamberetti (se provate a darglieli si avvicineranno, prendendo il crostaceo direttamente dalle vostre mani senza mordervi mai); Daydrem Island, dove razze e mante si strofinano mansuete ai turisti che nuotano.

E poi ci sono le sirene e gli innamorati.

Mermaide Cove. Il luogo leggendario dove nascono le Sirene, incantatrici dei pescatori, è la spiaggia più bella di tutta l’isola per i suoi coralli, per i suoi pesci fosforescenti, per le sue secolari conchiglie lunghe fino a mezzo metro. E ovviamente per le sirene statue spiaggiate sulle rocce.

Lizard Island. L’isolotto delle neo coppie di sposini. In loco c’è l’omonimo Resort, tra l’altro pure l’unica struttura esistente in cui pernottare. Si tratta di un posto extra lusso per chi ha un portafoglio trofio di soldi, e per adora la jacuzzi esterna rivolta al tramonto e tante altra coccole che ti viziano.

xoxo Marylla

  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *