Buon pomeriggio amiche di Tratto Rosa, questa mattina sono stata a Roma al cinema delle Quattro Fontane a vedere per voi: “Appuntamento al parco”

Dopo un viaggio che a confronto l’errare di Ulisse per tornare alla sua Itaca, era una mera gita per mare in barca, sono riuscita ad arrivare in tempo per la proiezione di un meraviglioso film di Joel Hopkins, interpretato dalla meravigliosa Diane Keaton e dal superbo Branden Gleeson: APPUNTAMENTO AL PARCO.

Ma andiamo per gradi …

In questo film si parla di amor over 50, ma se dicessi solo questo, sarebbe davvero riduttivo.

I due protagonisti Emily e Donald sono tanto, molto di più. Hanno due stili di vita completamente diversi. Lei vedova, vive in un appartamento dove non manca nulla, ma solo apparentemente tutto è perfetto. La dolce Emily, in realtà, vive un momento finanziario delicatissimo in cui anche un solo cappello può influire negativamente sulle sue tasche.

A Donald sembra invece mancare tutto: vive in una baracca al centro del verde, non esce spesso, non ha amici, vive isolato dal mondo e la cosa sembra andargli bene.
Emily e Donald sono diversi, ma forse è proprio per questo che le loro strade arrivano a incontrarsi.
Ed è proprio quando il figlio di Emily le consiglia di vendere tutto il superfluo per eliminare parte dei debiti, che lei sale in soffitta e fra i tanti cimeli trova un binocolo, un evento che cambia la sua vita.

Il binocolo diventa il suo nuovo modo di vedere il mondo, tramite quello osserva per la prima volta Donald, ed è sempre grazie a quello che vede una sera un paio di balordi assalirlo. E perché, poi? Perché è diverso? Perché non è normale? Ma poi la normalità che cos’è?
Così Emily viene a scoprire che Donald, la cui casa non è per niente una baracca come sembra, viene accusato di vivere lì in modo abusivo. Lui, da bravo orso burbero, non vuole difendersi, perché crede che tutto si risolverà da sé…

  • Riuscirà Emily a convincerlo a battersi per ciò in cui crede?
  • Riuscirà Donald a far capire a Emily che le cose importanti della vita sono altre rispetto ad un’esistenza agiata in cui l’amicizia e l’amore sono sentimenti falsati?

Siete curiose? Ah beh … dovrete aspettare il 14 settembre per scoprire come andrà a finire la storia di Emily e Donald!

Quello che posso dirvi io è che rimarrete stupiti non tanto dalla bravura degli attori (perché ehi, quella si sa … insomma Diane Keaton e Brendan Gleeson!!! Due mostri sacri!) quanto dalle ambientazioni e dalla fotografia.

Londra appare diversa da quella solita grigia e piovigginosa: colori, fiori, alberi, verde la fanno davvero da padrone, regalandoci una favola quasi bucolica.

Quando Emily si avventura per la prima volta nel bosco per andare da Donald, sembra quasi una non più giovanissima Cappuccetto Rosso e lui, burbero com’è, potrebbe benissimo rappresentare un lupo, o magari uno degli orsi di Riccioli d’oro.

L’amore, rappresentato alla perfezione anche dalle dolcissime musiche al pianoforte, è centrale nella storia, che inizia come una strana amicizia e poi evolve in qualcosa di più serio che li travolge in questa storia come se fossero due ragazzini.

A fare da ciliegina sulla torta il solito Humor Inglese, che ho trovato davvero delizioso, mai presuntuoso e davvero molto azzeccato in un film come questo, che fa della semplicità un punto di forza!

Che altro dire? Io ho adorato questo film e spero sinceramente lo andrete a vedere, anche solo perché vale la pena uscire dal cinema con un sorriso ebete sulle labbra. 

  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *