Iniziamo la settimana con una recensione a caldo! Il 3 Novembre esce “Dark  Games” di Anna Carey e io ho avuto l’opportunità di leggerlo in anteprima grazie a Newton Compton. Ed eccomi, sono pronta per parlarvi di questo libro coinvolgete e sconvolgente.

 

51x6ffxqqwl

Link d’acquisto: Amazon

Sinossi: 

Una ragazza senza nome e senza memoria si sveglia sui binari della metropolitana e l’unica cosa che è in grado di ricordare è che qualcuno la vuole morta. Con sé ha solo uno zaino e un coltello e sul polso ha uno strano tatuaggio con un uccello nero. Sunny deve scoprire chi è davvero e perché qualcuno sta cercando di ucciderla. Sente che la sua vita è in pericolo e l’istinto le dice che deve darsi da fare per salvarsi. Non è facile riuscire a capire cosa stia succedendo. Probabilmente è in corso una caccia all’uomo… E la preda è lei.

Recensione:

Dark games. Il titolo già mi attirava, ma non avevo idea di quanto sarebbe stato coinvolgente e sconvolgete questo romanzo! 
La prima sorpresa è stata l’utilizzo della seconda persona. Una narrazione inusuale che all’inizio ti lascia in dubbio: “mi piacerà?”, “sarà snervante a lungo andare?”, ti domandi. Nel mio caso, dopo poche pagine ero già rapita. Completamente. Pochi capitoli dopo la storia raccontata, pagina dopo pagina, è diventata la mia. Sunny ero io.
La seconda persona ti porta a immedesimarti come mai prima, oppure è stata particolarmente brava l’autrice Anna Carey. 
Durante la lettura qualcuno mi ha chiesto chi fosse il personaggio del libro che stavo leggendo, e io ho risposto “me stessa, credo.” Per tutta la lettura Sunny ero io: non sapevo chi fossi, cosa mi fosse capitato. Sapevo solo di essermi svegliata, malconcia, sui binari della metropolitana. Qualcuno mi inseguiva e mi voleva indubbiamente morta. Forse ero una rapinatrice, o una delinquente con chissà quali precedenti alle spalle, ma di fatto anche la polizia mi stava alle calcagna. Avevo uno zaino con pochi oggetti al suo interno, e queste erano le mie uniche certezze. 
La storia, la trama, si infittisce ad ogni capitolo un po’ di più. Sembra una matassa ingarbugliatissima e tu non desideri altro che capire. Vuoi capire, perché Sunny sei tu! Vuoi sapere da dove vieni, perché ti stanno cercando e soprattutto… perché vogliono ucciderti! 
Nel lungo percorso fatto da ben studiati colpi di scena, non mancheranno le palpitazioni, l’ansia come stessi vivendo in prima persona ogni cosa. La paura, il terrore e la costante incertezza. La consapevolezza di non poterti fidare di nessuno, ma l’umana tendenza a fidarti comunque di qualcuno.
Se la tua fiducia, o quella di Sunny, è ben riposta non lo svelerò. Ma Dark Games è una lettura che non potete perdervi.

Scritto divinamente, non ho trovato errori. Ogni tassello è messo nel posto giusto, cade quando deve cadere e mai per caso. Ogni volto che incontrerai ha un ruolo, chiaro fin da subito o meno.
Un romanzo che, una volta iniziato, non puoi fare a meno di finire. E’ un crescendo di domande, e di risposte che spesso si rivelano azzardate, irreali, precoci. Ma quando le vere risposte arrivano, ti spiazzano. Non c’eri arrivata, non avevi sospettato niente. Com’è possibile?!  

Dark Games: un gioco costruito a regola d’arte. Un romanzo che non dimenticherò mai, per le forti emozioni e il coinvolgimento.

E’ riuscito ad aggiudicarsi le mie rare 5 stelle!

 13244872_278503879151039_7692919659396933458_n

 

 

Cinzia La Commare

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *