«Mi mancava come qualcuno che avevo deciso di lasciare
andare, non come qualcuno che aveva lasciato andare me.
E quello faceva tutta la differenza del mondo. » 

Noi, gli unici al mondo. 

Buongiorno carissime lettrici, oggi voglio parlarvi di un nuovo libro che ho appena finito di leggere, come avrete già capito si tratta di “Noi, gli unici al mondo” di Siobahn Vivian. 

Trama:

In un mondo sommerso l’unica cosa che ti terrà a galla sarà l’amore

Cosa puoi fare se la tua città si sta inabissando, sommersa dall’acqua, e a tutti è stato ordinato di fare i bagagli e andarsene? Mentre gli adulti sono impegnati a pensare a come sarà il futuro, a mettere al sicuro i propri beni e a cercare nuovi luoghi in cui poter vivere, Keeley Hewitt e i suoi amici vogliono invece trovare il modo per rendere indimenticabili le ultime ore che trascorreranno insieme ad Aberdeen.

E allora ecco che cominciano a organizzare feste d’addio incredibili per chi è in partenza per sempre, balli di fine anno in case abbandonate. Per Keeley, lasciare quel posto significa anche dire addio al ragazzo che ha sempre amato. Ma proprio quando crede di aver perso tutto, ecco che il destino le regala un incontro inaspettato.

E forse la fine di Aberdeen coinciderà con l’inizio della sua prima storia d’amore…

Recensione:

Ci rendiamo conto di tenere a qualcosa solo quando siamo in procinto di perderla e Keely questo lo scopre quando è costretta a lasciare la sua cittadina Aberdeen. Una cittadina che fino a questo momento non ha apprezzato più di tanto, alimentando dentro di sè la speranza di andarsene presto, ma proprio quando il suo “desiderio” si realizza comprende di non voler dire addio a tutto e tutti. 

Nonostante il suo desiderio di restare non ha molta scelta. La piccola città ha un destino segnato ed evacuarla è l’unica scelta che gli abitanti possono adottare se vogliono restare in vita e mettersi in salvo, così gli adulti si affrettano a salvare il salvabile e ciò che servirà loro nella nuova località, mentre i giovani, Keely compresa, organizzano feste su feste per festeggiare gli ultimi giorni nella cittadina.

Keely, la nostra protagonista, ha solo diciasette anni e si dedica alle persone che ama, ma purtroppo non tutto fila come lei ha immaginato. La sua migliore amica, Morgan, inizia ad allontanarsi, Jesse il ragazzo di cui è sempre innamorata sembra non prendere mai nulla sul serio e Levi, il ragazzo che ha sempre detestato, sembra essere l’unico con cui riesce ad essere tranquilla e se stessa. I personaggi sono diversi e per certi versi interessanti, di sicuro hanno dei risvolti che inizialmente non ci aspettiamo… o quasi.

Per quanto il romanzo sia scritto bene, senza errori e con dialoghi interessanti e non eccessivi, in alcuni tratti però ci si perde in descrizioni di particolari poco interessanti e gli aspetti più importanti, come lo svolgesi della trama o lo sviluppo \ crescita dei personaggi, tendono a perdersi. Nonostante Keely sia la protagonista non sono riuscita a trovare un legame con lei; il personaggio non attira più di tanto il lettore, tuttavia ho trovato più interessante il personaggio di Levi che si scopre piano piano. 

In conclusione il romanzo è interessante, forse poco sviluppato rispetto a ciò che si evince dalla trama, ma a tratti curioso, nonostante ciò per tutta la lettura ci accompagna la sensazione di perderci qualcosa.

Linda. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *