Buongiorno divoratori di libri! Come state? Qui è Yls che parla e non vede l’ora di iniziare una nuova ed entusiasmante recensione! Allora, prima di tutto vi dico che si tratta di un libro made in Italy, un romance dalle venature fantasy che mi ha messa a dura prova, ma non perché fosse brutto, tutt’altro! Si tratta di “Ladri del Cielo, Luc.” di Elena Sole Vismara, autrice che diventerà il mio nuovo idolo, non appena riuscirò a leggere dell’altro. Perché c’è dell’altro, non è vero? Con quel finale vorrei leggere il seguito ora, subito, all’istante. Care scrittrici, cosa mi fate?

Okay, iniziamo la vera e propria recensione, altrimenti discorrerò di cose che non potrete capire se non avete letto il libro e mi darete della pazza psicopatica, ma forse lo sono già, perché no!, mancherebbe solo quello alla mia grande lista di cose da fare. Elena Sole Vismara ha creato qualcosa di bello. All’inizio ho pensato che non ci fosse stato nulla di fantasy, il libro è iniziato con un ritmo lento e ben descrittivo. Irene mi è entrata subito dentro e benché non mi fosse particolarmente simpatica all’inizio, verso metà del libro circa ho iniziato ad apprezzarla. Luc è stato una sorpresa. Un essere particolare, come leggerete poi nel romanzo e devo ammettere che anche lui è stato detestato all’inizio. Ero molto sul “ma che caspita fai!!”, poi leggendo i pezzi del puzzle hanno iniziato a completarsi e piano piano ho iniziato ad amare sempre di più i personaggi e le loro vicende.

Mi è piaciuta l’originalità della storia. Mi è piaciuta che non fosse la solita storia paranormal romance che si legge in giro. Lei, lui e tutto il resto già visto e rivisto. Questo primo romanzo non ha corso ha dato delle risposte e ha lasciato delle domande, come è giusto che sia, ma è stato dosato in maniera perfetta e quel dannato cliffanger è stato tremendo. Penso di essere rimasta ad osservare l’ultima pagina per almeno una ventina buona di minuti. La grammatica è impeccabile! L’autrice aveva fatto una nota per eventuali refusi che io non ho trovato e, insomma, il libro è stato più che godibile! Ve lo consiglio? Assolutamente sì! Sono rimasta colpita in positivo dalla storia e non vedo perché non dovrei consigliarvela! Faccio i miei complimenti all’autrice nel mentre!

Non mi resta che salutarvi, piccoli divoratori di libri!

Alla prossima,
Yls.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *