Buongiorno care lettrici, oggi ho una nuova recensione per voi! 

Si tratta di “Se mi ami non vale” di Jessica Guarnaccia della  Gilgamesh Edizioni. 

Trama: 

In un freddo lunedì mattina un uomo e una donna si scontrano, litigano per il taxi e finiscono per condividere la corsa. Quante storie d’amore sono iniziate così? Beh, non è questo il caso.

Lui è Nicholas Vincent Marshall, ovvero il vicepresidente di una delle più grandi società immobiliari di Londra: affascinante, scapolo, cinico e incredibilmente ricco. La sua famiglia è molto potente e unita (davanti ai riflettori, almeno): in realtà suo padre vive per l’azienda di famiglia, che ama più dei suoi stessi figli e di sua moglie; Nick non è ignorato solo perché è il legittimo erede della Marshall, ma proprio per questo è costretto a subire il rancore dei fratellastri, Alexander e Diana.

Lei è Sophie Clarke, un’anonima commessa in un Atelier di abiti da sposa: bella, imprevedibile e determinata. Tutto ciò che desidera è creare una propria linea di moda; ma il suo sogno l’ha allontanata dalla madre, la sola famiglia che le fosse rimasta. È arrivata al punto in cui non ha più niente da perdere, o almeno così crede

Recensione: 

Ho letto questo libro in pochissimo tempo poiché mi sono da subito appassionata alla storia e ai personaggi.

Nicholas Vincent Marshall, uno dei protagonisti, è uno scapolo ambito e vicepresidente di una agenzia immobiliare di Londra. Nicholas può avere ogni donna che desidera, ma quando incontra la bella e dolce Sophie, si innamora di lei a primo colpo.  Sophie è una semplice commessa di abiti da sposa ed è una ragazza molto semplice e alla mano. I due, come anticipato nella sinossi, si incontrano all’interno di un taxi… ma non è quello il vero e proprio incontro che inizierà a cambiare la loro vita e formare la loro conoscenza. Infatti nulla sarà rosa e fiori e già dal secondo incontro verrà al pettine il primo nodo. Sophie potrebbe essere vicina alla sua famiglia più di quando Nick possa immaginare!

Devo ammettere che, alcuni punti e\o alcune scelte di questo romanzo, le ho trovate molto simili ad una Serie nota che è stata trasmessa in TV un po’ di tempo indietro, facendomi forse pensare che l’autrice si sia ispirata ad alcune di queste vicende… ma queste somiglianze non mi hanno frenata dal continuare a leggere la storia di Nick e Sophie e, per fortuna, con lo scorrere delle pagine, la storia di distacca / quasi totalmente / dall’idea iniziale che mi ero fatta. 

Il libro viene raccontato da una terza persona, ma non viene specificato chi sia, ma questo modo di descrivere nell’insieme mi ha spinta a rileggere alcune parti già rilette per cercare di capire bene cosa stesse succedendo, purtroppo questo modo di svolgere la storia ha dato una nota negativa alla sua fluidità e alla leggibilità dell’intero racconto. 

La  “confusione” ha fatto perdere quella continuità che spesso mi è apparsa incompleta, tuttavia la scrittrice è stata brava a mettere spunti e disperdere indizi che aumentavano in modo particolare la curiosità per spingere il lettore a continuare.

Linda. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *