Buongiorno miei cari divoratori di libri! Ormai siamo a metà Novembre e siamo un po’ tutti in fibrillazione per Natale (no, dai! Manca ancora un po’!). Ad ogni modo, come ogni lunedì, sono tornata con una nuova recensione. Per voi oggi recensione del romanzo erotico di Viola Raffei ‘ A modo mio ’ edito da ErosCultura.

unnamedVorrei fare una premessa. Il genere erotico non è il mio preferito, ma non sono una persona che si scandalizza per le scene di sesso, a patto che queste vengano descritte bene. Ora, fatta questa premessa, inizierei come al solito dalla copertina e dall’impaginazione. La copertina è semplice, nulla di entusiasmante, ma niente di brutto. È normale e adatta al genere. L’impaginazione è pressoché perfetta e anche in questo caso non ho assolutamente nulla da dire a riguardo. Ad un primo esame, dunque, basato sull’estetica, il libro in sé sembra fatto bene.

Purtroppo devo ammettere che la copertina e l’impaginazione sono le uniche cose che mi sono piaciute del romanzo. Preciso che non vi è alcuna cosa per cui scandalizzarsi e il genere è perfetto per il libro in sé, ma c’è una cosa che assolutamente non ho apprezzato: la volgarità. Io credo che un erotico sia più bello con scene ben descritte, senza parole volgare che, credo, debbano accentuare la situazione. No, non mi piace proprio quando le ‘parolacce’ vengono usate a questo scopo. Per me è un grandissimo no. La grammatica non è malaccio ed un peccato, perché il resto, ripeto, non mi è affatto piaciuto. Il problema di fondo, a parte le volgarità, però, le ho riscontrate nella storia stessa.

La storia, a mio parere, si svolge troppo rapidamente, rovinando la trama e i personaggi. Mi dispiace ammetterlo, ma credo potrebbe essere di aiuto anche all’autrice la fretta è cattiva consigliera. Penso che andare con più calma, anche con un genere di questo tipo, sarebbe andato a beneficio del libro. I personaggi, purtroppo, li ho trovati insipidi. Julie è il solito personaggio stereotipato e Leonardo che potrebbe spiccare di più, non ha avuto lo spazio che secondo me avrebbe meritato.

Insomma, questo romanzo erotico ha numerosi buchi che andrebbero colmati. Non so se sia la prima opera di Viola Raffei, ma la sua scrittura, sebbene molto veloce, non è male a livello grammaticale, credo solo vada rivisto l’andamento della trama che, per me, qualsiasi fosse stato il genere, sarebbe dovuto essere più lento: sicuramente il romanzo ne avrebbe beneficiato.

Anche per oggi è tutto. Non mi sento di consigliare questo romanzo, a meno che non vogliate leggere qualcosa di molto semplice e a tratti piuttosto superficiale.

Alla prossima,
Yls.

13174052_278503839151043_4349437171289935590_n

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *