Noir – una perfetta bugiarda è una storia appassionante e intrigante e curiosa, tanto quanto lo sono i personaggi.

Titolo:  “Noir. Una perfetta bugiarda”
 Autrice: Elisa Gentile.
Casa editrice: Newton Compton.
Genere:
Romanzo Rosa/ Erotico. 
Store d’acquisto: Amazon 

Trama: 

Siamo amanti.
Siamo la fine di un inizio che non c’è mai stato.
Siamo l’incubo di ogni fiaba.

Può un amore diventare odio? Quando un sogno a occhi aperti si tramuta nell’incubo peggiore, probabilmente, sì. Lo sa Marco, quando nella sua vita, per caso, piomba Gresia, bella da far male. Bella da morire.
Nonostante lei tenti di tenerlo lontano, Marco si innamora di questa donna dai lunghi capelli biondi e dagli occhi incredibilmente celesti che, a sua insaputa, lo ha già condannato. Perché Gresia, dietro quel sorriso tirato, quel profumo inebriante e quegli occhi di ghiaccio nasconde un segreto. Uno di quelli in grado di cambiare tutto e niente.

Uno di quei segreti che, una volta venuto a galla, non può non causare dolore, rabbia: che alimenta l’amore con l’odio, ma che non può cancellare la passione.

Recensione: 

Noir è un romanzo che si divide per due punti di vista, quello di entrambi i protagonisti: Gresia e Marco.  La storia è ambientata in Sicilia, ed è stato un riscontro piacevole per me che sono siciliana poter leggere qualcosa ambientato nella mia terra, con le nostre tradizioni, il nostro cibo e il nostro dialetto. Io personalmente sono molto vicina alla città scelta dalla protagonista, quindi mi sono rivista in molte delle sue descrizioni. La città scelta è Palermo, e l’autrice stessa la descrive attraverso gli occhi dei suoi personaggi:

Respiro a fondo trattenendo nei polmoni
l’aria consumata di Palermo. 
Consumata di mare.
Consumata di sale.
Consumata di sole.

Con questo romanzo entriamo da subito a far parte della vita di Gresia e Marco, due personaggi totalmente diversi per ogni minimo aspetto della loro vita: non solo quello caratteriale, ma anche quello che comprende la famiglia, il lavoro e il modo di vivere. Non potrebbero essere più diversi di così, tuttavia sono comunque attratti uno dall’altro dall’esatto momento in cui si incontrano.

Gresia è una donna bellissima e raffinata. E’ una studentessa modello e nella vita ha dovuto prendere una scelta, una scelta di cui porterà per sempre sulla pelle i riscontri: non tutti sono positivi, ma lei riesce comunque a camminare a testa alta. E poi c’è Marco, sexy, italo-amaricano con uno sguardo capace di togliere il fiato.  I due si incontrano e sebbene prima di quel momento le loro strade non si erano mai incrociate, o nessuno dei due aveva notato l’altro quando ne aveva avuto la possibilità, adesso sembra impossibile non farlo. Qualcosa in loro scatta dal primo momento, ed è una sensazione, un’emozione, flebile che il lettore tramite le parole di Elisa Gentile riesce a cogliere.

Un bacio non è solo labbra: c’è corpo, sì. 
Ci sono mani. Ci sono dita e ci sono gambe che
si stringono contro i fianchi. Ma ci sono occhi,
soprattutto. Ci sono sguardi, pupille che si strizzano
e si dilatano, poi tornano a rannicchiarsi nel
mezzo di quel celeste dove ti sembra di
annegare o volare. Ci sono respiri. C’e affanno.
Ci sono sorrisi. E si ricomincia. da capo dopo sguardi
e sorrisi, solo per riprendersi le labbra e per
sbranarsi le lingue. 

Ho apprezzato il modo in cui questa attrazione, così come gli altri sentimenti, inzia e cresce lentamente: gradualmente. Non c’è fretta nello scoprirsi e nel desiderarsi, non è frettoloso.

A poco a poco la passione tra di loro diventa incontrollabile e Gresia sarà “costretta” a cedere agli istinti primordiali, ma sarà anche in grado di sperimentare qualcosa che va oltre al solo possesso carnale, qualcosa che lentamente le si smuove nelle viscere fino a farle perdere il controllo. Fuggire dai sentimenti non le risulterà più tanto facile.  Inizia a provare qualcosa che non solo mette in discussione tutto quello che ha sempre voluto o creduto di volere fin adesso, ma porta a galla anche la paura. Perché Gresia ha un segreto, un segreto che NON può rivelare a cuor leggero, non a lui. Un segreto che le pesa come un grosso macigno sul petto e le fa temere di perdere l’unica cosa buona che ha ottenuto nella vita.

Un segreto che non le ha mai provocato alcuna vergogna davanti al mondo o alla famiglia, anzi ne è sempre stata fiera… ma questo prima dell’arrivo di Marco. E’ consapevole che, non appena lui verrà a conoscenza di questo suo segreto, sarà solo la fine.

«Lui non sa chi sono» la interrompo con voce rotta.

[ . . . ]

Non riesco a impedire ai miei occhi di riempirsi di lacrime.
«E sarà una catastrofe quando lo scoprirà».

Per scoprire il segreto di Gresia vi toccherà leggere questo romanzo ed io ve lo consiglio vivamente. Non avevo mai letto prima un romanzo di Elisa Gentile, ma posso dirvi che questo romanzo mi è piaciuto. E’ leggero, frizzante per alcuni versi, ma soprattutto romantico, travolgente e toccante. I colpi di scena non mancano e nemmeno i momenti passionali che fanno da contorno e divorare “Noir. Una perfetta bugiarda” sarà un piacere. I personaggi sono ben strutturati e la storia si vede che è ben pensata, i sentimenti sono quasi palpabili. La scrittura è molto coinvolgente, a volte forse dispersiva in dettagli non troppo importanti, ma tuttavia apprezzabile.

Linda.

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  • 4
    Shares

One Comment on “Recensione: “Noir. Una perfetta bugiarda” di Elisa Gentile ── Newton Compton.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *