“Siamo nati per non dimenticare,
per conoscere, imparare, per innamorarci
delle emozioni e non sapercene disfare più.”

Numb Nicolas. 

Buon pomeriggio carissime lettrici, oggi voglio parlarvi di un nuovo libro che ho appena finito di leggere. Come avrete già intuito si tratta di “Numb Nicolas” il continuo di “Numb Anna”. Potete trovare la recensione del primo volume cliccando QUI.

Trama: 

Le bugie sembrano potersi nascondere bene, eppure trovano sempre un modo per tornare a galla. Lo sa bene Anna. Ora che, stretta nel suo cappotto, cammina tra gli olmi ricoperti di neve a Cambridge, mentre le acque del Cam riflettono, immobili, una luce innaturale. Ma è una Cambridge diversa da quella del suo arrivo, adesso che Nicolas non corre più nelle sue strade trafficate.

L’unica cosa che le è rimasta di lui, ormai, è un pugno di fogli: sono i disegni che un tempo aveva trovato sparsi nella stanza di Nicolas, gli stessi in cui aveva riconosciuto il proprio volto nei tratti a matita. Anna li stringe tra le mani e aspetta. Aspetta che Nicolas passi a riprendersi tutti i loro momenti insieme. Aspetta che torni a casa. Da lei. E quando Nicolas deciderà finalmente di tornare, si accorgerà che, per quanto distacco abbia provato a mettere tra sé e il dolore, non è stato sufficiente.

Perché il dolore è ancora lì, sulla sua pelle, insieme alle persone che ha lasciato: suo fratello, Richard, in cerca di riscatto; Anna, che non ha mai smesso di pensare a lui; Carol, pronta a dimostrargli che ci si rialza sempre dalle cadute più dolorose.

Recensione:

In Numb Nicolas ci sono dei conti in sospeso da dover risolvere, drammi e scelte che sono rimaste a metà su Numb Anna. In questo nuovo romanzo però non troviamo solo la storia tra Anna e Nicolas, ma troviamo anche altri due personaggi che conosciamo bene grazie al primo volume: Richard e Caroline. 

Attraverso i POV dei singoli personaggi riusciamo a conoscere le loro paure, la voglia di cambiare, migliorare, amare. Un amore che non tratta solo quello tra uomo e donna, ma che si estende anche verso l’amore fraterno, per gli amici e per la famiglia.

“Ci si innamora. Ci si innamora sempre.
Di un momento. Della vita. Di uno sguardo.
Del battito di ciglia. Ci si innamora e basta.
Dei propri pensieri. Delle aspettative.
Dei sogni.”

Ritroviamo la nostra Anna insicura e ragazzina, ma che lentamente inizia a diventare donna. Anna, in attesa di Nicolas, e Nicolas un ragazzo chiuso, ma quando decide di aprirsi si dona completamente dando tutto se stesso. Lui farà una notevole crescita in questo romanzo e capirà che nella vita si può sbagliare e che non tutti gli sbagli sono destinati a non essere perdonati. Crescere vuol dire anche affrontare queste tematiche, vuol dire mettere da parte l’orgoglio e valutare l’entità del “danno” subito. Nicolas, per fortuna, comprende che nessuno è perfetto e che lui, senza di Anna, lo è ancora meno.  La forza / il coraggio / di perdonare non è da tutti. 

Richard è il fratello di Nicolas, quello che manda sempre a rotoli tutto / perfino la sua stessa vita / e che per l’ennesima volta si mostra a noi, in Numb Anna, con uno dei suoi casini. In Numb Nicolas anche questo personaggio ha finalmente un riscatto, cerca di tornare ad essere ciò che era e riprendersi ciò che gli appartiene. Ed è a questo punto che entra il quarto personaggio: Caroline. L’abbiamo conosciuta, e forse un po’ odiata, nel primo romanzo per il rapporto che la legava con Nicolas, ma in questo nuovo romanzo anche lei avrà un altro ruolo. 

La storia è coinvolgente ed interessante e Diego Ferra scrive in modo quasi poetico. L’unica nota negativa che mi sento dare riguardano i dialoghi e le ripetizioni. Non solo perchè i dialoghi sono pochi, ma perchè sono surreali, quasi impossibili. A mio avviso nessun ragazzo della loro età parlerebbe in quel modo e nonostante questo modo di fare non stoni con il racconto e il modo di scrivere di Diego Ferra stona decisamente con i personaggi e l’età che dovrebbero possedere.

Numb Nicolas continua con “Numb Richard” in uscita il 21 Novembre 2017. Chissà cosa ci riserverà il terzo, e probabilmente ultimo, capitolo.

 

Linda.

 

 

 

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

One Comment on “Recensione: “Numb Nicolas” di Diego Ferra ── Sperling & Kupfer.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *