Quassù, il tempo è sospeso.
E’ un fermo immagine. 
Io, lei, il cielo infinito. 
Nel vuoto cosmico, il suo bacio mi dice che non sono solo.

Paper Heir. 

Il 30 Gennaio è arrivato “Paper Heir” il quarto volume dei “Royals”, con Easton come voce narrante.

Trama: 

È nel silenzio che senti il battito del cuore. Lo senti però anche spezzarsi. Easton Royal ha tutto. È bello, divertente; possiede soldi, macchine, ragazze e un cognome che gli permette di ottenere sempre ciò che vuole. Eppure il passato gli ha lasciato parecchie cicatrici, e il suo presente è più incasinato di sempre. Gli eccessi sembrano non bastargli mai: ogni pretesto è buono per fare a botte e concedersi un bicchiere di troppo, senza pensare alle conseguenze.

Tutto lo annoia ed è costantemente alla ricerca di una nuova sfida da affrontare. Forse è per questo che è così attratto dalla sua nuova compagna di scuola, Hartley Wright. Con i suoi occhi grandi e il naso all’insù, Hartley piomba nella vita di Easton in un giorno come tanti. È molto diversa dalle altre studentesse marionette della Astor Park e, soprattutto, non sembra interessata a lui. Per la prima volta, il nome dei Royal non è abbastanza.

Ma Hartley è solo l’ennesima sfida, una distrazione gradita nella noia quotidiana, o davvero il più difficile da domare tra i fratelli Royal prova qualcosa per lei?

Recensione: 

Paper Heir è il primo romanzo che vede come protagonista Easton Royal. Ve lo ricordate? Il fratello di mezzo, quello che ha più problemi che anni e la battuta sempre pronta.

Già con i primi tre volumi, con protagonisti Reed e Ella, il mio preferito era lui. Quando ho saputo di Paper Heir ho fatto i salti di gioia e quando l’ho ricevuto tra le mani l’ho divorato a tempo record. Leggere questo libro è diventata quasi un ossessione e ogni momento libero era una buona occasione per sfogliare le pagine e immergermi nella lettura. Credetemi quando vi dico che ho letto Paper Heir anche durante il tragitto da casa – lavoro.  Paper Heir non è a POV alternati, ma è interamente dedicato alla persona e personalità del nostro Easton. Grazie a questa scelta da parte delle due scrittrici è possibile conoscere questo personaggio in ogni sfaccettatura, e di sfaccettature in lui ne vedremo tantissime. 

Dietro alla sua corazza, Easton nasconde un’infinità di insicurezze. 

Lo abbiamo immaginato come il ragazzino viziato che ottiene tutto quello che desidera, con la battuta pronta e i doppisensi all’ordine del giorno, ed è anche vero che è così, ma Easton non è solo questo.  Scopriamo nei dettagli alcune parti di lui che erano state solo accennate nei precedenti capitoli, come ad esempio il suo lato autodistruttivo, i problemi di dipendenza e la sensazione di non essere mai all’altezza per chiunque, insieme alla paura di non essere amato e\o apprezzato.  Questo lo spinge ad essere impulsivo, lo spinge a preoccuparsi solo di se stesso e anche quando cerca di fare del bene per qualcuno finisce per fare l’esatto opposto. Una scelta che, in alcuni punti, ho trovato un po’ eccessiva, forse forzata.

Il destino di Easton si intreccia a quello di una nuova arrivata: Hartley.

«Non preoccuparti, non mi stai baciando»
sussurra «sono io che bacio te.»

Lei lo attira per la sua diversità. Non è una di quelle ragazze che si mettono in mostra o che è disposta a fare di tutto pur di finire nelle sue grazie, ed è proprio perché Hartley non vuole avere niente a che fare con lui che se ne sente attratto.  Non sappiamo molto di lei, e questo è dettato anche dal fatto che tutto il romanzo è incentrato su Easton, ma apprendiamo qualcosa della sua vita e della sua storia attraverso sprazzi di conversazioni che lo stesso Easton ruba o tramite qualche confessione che lei stessa concede al nostro Royal. Tutto sommato il suo personaggio mi è sembrato ben strutturato, un personaggio che riesce a mettere un po’ di curiosità alla storia. 

Le scrittrici sono state impeccabili come sempre, strutturando il romanzo con un ritmo incalzante, ma è il finale che lascia con il fiato sospeso. E’ infatti presente un cliffhanger che verrà risolto nel prossimo libro e che non vedo l’ora di leggere per scoprire cosa succederà.

 

Linda.

 

 

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *