Salve a tutti e benvenuti nuovamente nel mio antro oscuro. Sulla scia degli autori italiani, oggi vi recensisco un bel racconto sempre made in Italy che mi è piaciuto molto. Ma come, direte voi, ci stai già spoilerando la fine? Ebbene sì! Vi sto già spoilerando la fine! Mi è piaciuto molto questo racconto, dico sul serio, è corto, ma è così reale, così leggibile e godibile che non posso non averlo apprezzato appieno. L’autrice, Jessica Black, ha scritto un racconto che reputo molto fresco, sul genere degli youfeel (magari potrebbero farci un pensierino, anche se sembra più un young adult, dai dai Rizzoli, valuta questa brillante autrice! Insomma proponetele una collaborazione, alla fine è stata pubblicata da Triskell edizioni con questa novella, eh!). Ha scritto ‘Se solo ti accorgessi di me’ a sedici anni e, davvero, io a sedici anni ero un mostro (di schifo) a scrivere e ammiro il fatto che lei abbia avuto così tanto coraggio, ma soprattutto ammiro la sua bravura e la sua dedizione nella scrittura, dal breve racconto si nota che questa è la strada giusta per lei, anzi, lo è da un po’ di anni.

LINK DI ACQUISTO: Amazon

se-solo-ti-accorgessi-di-me-di-jessica-blackChiuso questo capitolo, vorrei iniziare a parlarvi della cover, come sempre. La cover è stupenda. Laura di Berardino è colei che ha realizzato questa meraviglia. Assomiglia tanto a una delle copertine che si vedono su libri editi da mondadori, DeAgostini, Fazi Editori. Sono le copertine che mi piacciono, quelle bellissime, quelle che ti fermi a guardare il romanzo in libreria e dici ‘caspita, devo proprio comprare questo libro’. È una meraviglia, quindi vorrei fare i complimenti a questa designer perché, wow, la copertina mi ha catturata subito. Vorrei soffermarmi a decantare ancora la bella copertina, ma vorrei passare alla recensione della novella vera e propria.

Il racconto di Jessica Black è narrato da tre punti di vista; tre ragazzi della stessa classe: Alessia, Vanessa e Francesco. Alessia è innamorata di Mirko, Francesco è innamorato di Alessia e Vanessa è innamorata di Francesco. Per novantaquattro pagine troviamo i pensieri e i dialoghi di questi tre ragazzi di sedici anni: ciò che provano, ciò che tengono nascosto. Mi sono ritrovata molto in ognuno dei personaggi: in Francesco per via della matematica, in Alessia perché quando ci si innamora ci si fa un sacco di complessi ed in Vanessa, perché a volte bisogna accontentarsi di essere amici, in fondo ci sono diversi tipi di amore, non credete? La trama è molto semplice e si svolge tutto tra la scuola e le case dei tre protagonisti, nulla di troppo complicato, insomma. Benché tutti e tre i punti di vista siano narrati in prima persona, l’autrice spezza bene il tutto, facendo intervenire un personaggio piuttosto che un altro in modo naturale e preciso, senza lasciare buchi o forzando una scena. Secondo me è importante poiché molte persone utilizzano questo trucco e non tutte sono in grado di capire come dividere le due visioni o tagliare quando è necessario: Jessica Black è stata in grado di padroneggiare il tutto e rendere il racconto molto fluido e leggibile. Non vi spoilero il finale, ma vi dico che, secondo me, lo apprezzereste molto.

Ora passiamo alla scrittura della scrittrice. Questa novella è stata scritta quando l’autrice aveva sedici anni. Io ne avevo quindici, visto che abbiamo un anno di differenza e di certo alla sua età non scrivevo così bene, lo giuro. Vi posso assicurare che, sebbene l’autrice abbia potuto fare editing in questi anni, c’è da dire che l’idea è nata comunque anni fa, quindi è comunque stata fin da subito qualcosa di valido e pubblicabile. Scrive in maniera semplice e lineare, non usa troppi fronzoli, ma è più diretta, cosa che io amo. Odio le troppe figure retoriche, scrivere in maniera così diretta coinvolge molto di più il lettore, rendendolo più partecipe delle vicissitudini e Jessica Black è stata molto brava in questo e non credo di dover aggiungere altro, non c’è altro da dire, se non che il racconto si presenta perfettamente.

Io non posso far altro se non concludere qui la mia recensione. Ho adorato la novella, sono contenta che Triskell Edizioni l’abbia pubblicata e spero che Jessica Black venga notata anche da case editrici più grandi per qualche collaborazione, penso proprio che se lo meriti.

Alla prossima, cari Lettori!
Yls.

13177756_278503869151040_5869875257673998328_n

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One Comment on “Recensione: “Se solo ti accorgessi di me” di Jessica Black.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *