Le motivazioni per prendere un secondo cane potrebbero essere tante. Il primo potrebbe sentirsi solo o potremmo essere noi a desiderare un altro cucciolo da coccolare ed educare! Ma… se il nostro cane non dovesse accettare il nuovo arrivato?

Accade anche con i bambini, figuriamoci con i cani. Lì è compito del padrone rendere l’arrivo meno traumatico possibile. Ma dipende da alcuni fattori.

Prima di ogni cosa, fattore fondamentale è l’indole del vostro cane. Non tutti sono dominanti e se il vostro non lo è siamo a cavallo. Con molta probabilità accoglierà il nuovo arrivato senza fare troppe storie. Se dovesse essere dominante, beh… andiamo per gradi.

L’età del nuovo arrivato influisce in modo considerevole. Se dovesse essere un cucciolo la cosa si semplifica. Tendenzialmente i cani adulti, non vedendo il cucciolo come una minaccia, non fanno nulla. Al contrario con un adulto entrano in competizione! “Questa è casa mia”, “questa è la mia padrona”, “questa è la mia aria, la respiro io”.

Dunque, come fare? Sicuramente la cosa da fare in ogni circostanza simile è chiamare un addestratore o un educatore. Ad ogni modo sarebbe utile fare un primo incontro tra i cani in luogo neutro. Non a casa! In un giardino pubblico o in un campo di addestramento.

Preferibilmente liberi! Perché i cani al guinzaglio o in braccio al padrone entrano in protezione, si sentono difesi, e attaccano più facilmente. Dunque liberi, a meno che il vostro cane non abbia seri problemi di socializzazione! Allora lì l’intervento dell’addestratore è fondamentale.

Ma se da un lato l’arrivo di un cucciolo potrebbe essere più semplice, questo porta via tanto tempo e tante attenzioni, dunque il vostro cane potrebbe sentirsi trascurato.

Ed è proprio questa la cosa da evitare in assoluto: mai trascurare il vostro cane per dare attenzioni al nuovo arrivato! Vi farebbe una serie infinita di fastidiosissimi dispetti.

Ad ogni modo, i cani sono animali sociali. Non disperate e non escludete a priori la possibilità di accogliere in casa un nuovo amico!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *