Oggi parleremo del soprabito, ovvero di quell’indumento, sia maschile che femminile che, come dice il termine stesso, si indossa sopra i vestiti. Tra i soprabiti, citiamo trench, giacche, giacconi, bomber, caban, chiodo. Vedremo insieme quali sono le tendenze per questa primavera estate 2017.

Iniziamo questa nostra digressione modaiola parlando del trench, ovvero il capo must have, l’immancabile in ogni armadio guardaroba di una donna. E’ un capo evergreen, intramontabile, indispensabile, adatto soprattutto per questi periodi climatici particolari e mutevoli, dove la mattina c’è il sole ed un attimo dopo piove; un momento prima fa un caldo assurdo, e un secondo dopo diventa necessario mettere delle pietre in tasca per sfuggire dalla bora triestina. Ecco il trench è perfetto per tutto questo.

Quest’anno le maison l’hanno concepito nei toni del classico beige, ghiaccio e tinta mastice. Il trench, però si adatta alle tendenze che predominano, quest’anno, il panorama del glamour, ovvero hanno tagli e dettagli di ispirazione militare,  spalline anni ’80, caratteristiche oversize, ed in certi casi applicazioni e tagli preziosi. Insomma il trench si riconferma indispensabile in viaggio, a lavoro ed in vacanza.

Per: “Ritorno al futuro dagli anni ’70”, il cappotto di pelle fa il suo ingresso trionfale come soprabito scuro, in nappa lucida o opaca. Per un look soprattutto metropolitano.

Una chicca molto particolare per questo 2017 è stata estrapolata dal mondo dello sport. Esattamente, ai campioni di scherma si è fatto riferimento per i tagli ai nuovi trapuntati primaverili.

Il denim, quest’anno il tessuto cult della stagione, in versione giubbini, giubotti, trench e giacche. (Ne abbiamo già parlato qui)

Le giacche con maxi spalle, versione oversize, proprio come andavano di moda negli anni ’80. Oppure quelle di ispirazione militare, le cosiddette giacche divisa con multi alamari. O ancora soprabiti di broccato, con fiori in ricamo.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

xoxo Mary.lla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *