Questa volta parliamo delle femminucce! Si tratta sempre di un argomento estremamente delicato  perché tocca più la sensibilità dei padroni che dei cani!

Gruppi cinofili e animalisti fanno continuamente campagne di sensibilizzazione per far conoscere le motivazioni che possono portare i padroni delle femminucce a prendere questa decisione, spesso raccogliendo persino fondi per sostenere le famiglie e i centri che non possono permettersi l’operazione.

Per una famiglia che non ha problemi economici, la spesa di una sterilizzazione non grava particolarmente sul bilancio! Ma per chi ha qualche difficoltà ad arrivare a fine mese o per chi ci arriva incastrato, può essere un problema.

Mi verrebbe anche da dire che se non si hanno neppure minime disponibilità economiche, non sarebbe il caso di accogliere un cane in casa! Perché oggi potrebbe essere necessaria la sterilizzazione, domani l’asportazione di un tumore o di una pietra ingerita per caso o di un farmaco contro un’infezione.

Ad ogni modo, perché i gruppi cinofili sostengono così tanto la sterilizzazione? I motivi principali sono due:

  1. Si può prevenire l’arrivo di tumori alle mammelle. E direi che già, da sola, è un motivo più che importante. Questo, chiaramente, se non si ha intenzione di fare accoppiare il cane, ma parleremo presto anche dei motivi per i quali fare o non fare accoppiare il cane!
  2. Ci siamo proprio arrivati! Ma senza approfondire l’argomento… regolarizzazione delle nascite. Sia per randagi sia per cani senza controlli, documenti, garanzie che vengono fatti accoppiare dando alla luce cuccioli ammalati condannati ad una vita poco piacevole, ma questo argomento lo affronteremo successivamente!

Quando sterilizzare la vostra cagnolina? I consigli vanno sempre chiesti al veterinario. Tendenzialmente non si fa sterilizzare prima del primo calore! Perché deve esser data la possibilità alla cucciola (perché ancora è una cucciola) di formarsi!

Qundo e perché non sterilizzare? Ne parleremo nella prossima puntata!

Alessia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *