Anche per la primavera/estate non diciamo NO agli stivaletti. 

Tanti sono i modelli e le novità; alti, bassi, larghi o stretti. Quest’anno gli stivaletti saranno un passe-partout anche per i mesi più caldi, come quelli spuntati o traforati.

Traforati: 

Il modello Pull&Bear è adatto per i giovani. Gli stivaletti aperti nel tallone sono una novità chic e possono essere abbinati ai jeans strappati o anche ai vestitini neri o qualche gonna leggera, con t-shirt crop top ma anche a shorts beige.

Il modello più gettonato è quello nero con il tacco chiaro, un netto contrasto che rendono la calzatura elegante.

 

Denim:

 

Guess per la stagione di primavera propone un paio di stivaletti di jeans con dei fiorellini che rispecchia molto la stagione primaverile.

Il taglio basso  è perfetto per donare una comodità in ogni occasione, ma la texture floreale non è facile da abbinare! Si consigliano pantaloni di cotone e qualche dettagli floreale che richiami quello delle scarpe!

 

 

 

Borchiato: 

Per un look più aggressivo: stivaletti bassi borchiati. Modello Susanna con borchie ideale da abbinare a skinny jeans dello stesso colore e qualche strappo sulle cosce o sulle ginocchia.

 

 

 

 

A calza: 

 

Lo stivaletto a calza sembra essere quello più gettonato dalle ragazze. Facile e comodo da indossare è possibile trovarlo in diverse tonalità. Nero con bordi bianchi per Asos, elasticizzato con colori vividi e tacco a rondella per Zara.

Può essere indossato sia con le gonne, con gli abiti anni ’60, dai skinny ai pantaloni morbidi… avrete solo l’imbarazzo della scelta!  

 

 

Bianchi: 

 

Stivaletto bianchi a punta in nappa di Stuart Weitzman

Il bianco è sempre di moda, anche per gli stivali primaverili/estivi! Possibile da abbinare con qualsiasi colore e qualsiasi tipo di abbigliamento, proprio per chi non vuole correre rischi e andare sul semplice!

 

Non so voi, ma io da vera amante degli stivaletti, non ho idea di quale scegliere e se fosse possibile me li comprerei tutti!

Linda. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *