Una puntata davvero interessante quella di The Voice Of Italy andata in onda il 19 aprile scorso. Primi problemi per i coach, primi steal e scelte sorprendenti. Scopriamo assieme cos’è successo…

Iniziano i Knock Out e con essi anche i primi grattacapi per i coach che dovranno sfoltire la loro rosa e passare da 12 cantanti a 4. La puntata si apre però con le interpretazioni dei coach di alcuni loro brani più famosi ma subito dopo questo momento si entra subito nel vivo.

Il primo Knock out vede salire sul palco i primi quattro cantanti del team di J-Ax: Angelica Peroni, Riccardo Giovannini, Angelica Paola Ibba e Ferdinando Vega. I quattro ragazzi portano sul parlo le loro versioni di Ain’t nobody, Dear Mama, Break Free e Una vita in vacanza. “Premio il talento, l’originalità e come il pubblico risponde, scelgo quello che potrebbe essere l’anello mancante fra me e il pop!” afferma J-Ax poi dice il nome di Riccardo Giovannini. A questo punto Costantino chiede se qualcuno vuole rubare uno dei cantanti rimasti sul palco e Francesco Renga approfitta, scegliendo Angelica Peroni.

È poi il turno del team di Al Bano che mette in campo: Francesco Bovino (Tekemaya), Dalise, Aurelio Fierro e Cinzia Carreri. Le quattro canzoni in gara sono state: Un anno d’amore, Roar, Oh! Darling e Contessa. Al termine delle esibizioni Al Bano ha fatto i complimenti ai ragazza: “Vi amo alla stessa maniera, perché mi avete fatto provare la pelle d’oca. Ma purtroppo ne devo scegliere uno e porto alle Battle: Tekemaya!” Con mio sommo dispiacere nessuno approfitta dello Steal, e il carismatico Aurelio Fierro viene rimandato a casa.

Terzo team in gara è quello di Francesco Renga che fa sfidare: Mirko Pio Coniglio, Virginia Mellino, Antonello Carozzo e Giovanni Saccà. I cantanti fanno ascoltare al pubblico le loro versioni di La descrizione di un attimo, Ex’s & oh’s, Castele on the Hill e Tutti i colori della mia vita.  “Questo è un team che mi è esploso in mano, avete tutti voci chiare e strutturate” esordisce prima di scegliere Mirko Pio Coniglio. Stavolta quando Costantino chiede se qualcuno dei cantanti interessa ai coach, avvengono ben due steal: J-Ax ruba Virginia e Cristina Giovanni.

Per il quarto Knock out vediamo scendere in campo il team di Cristina Scabbia. I quattro prescelti sono: Sabrina Rocco, Antonio Marino, Claudia Illari e Elisabetta Eneh. Le quattro canzoni in gara sono: Say Something, Master of the wind, Green Light e Crazy. “Voi non siete prodotti, siete umani. La connessione è forte con tutti, ma devo scegliere.” Poi la Scabbia sceglie Elisabetta Eneh che ha cantato davvero alla grande. Avvengono ben due steal: J-Ax ruba Antonio, decidendo così l’uscita di Virginia da The voice; Al Bano sceglie invece Sabrina.

È di nuovo il turno di J-Ax che stavolta propone un quartetto formato da: Andrea Tramacere, Rosy Castello, Debora Xhako e Antonio Licari. I quattro ragazzi cantano per convincere i giudici: I believe in a thing called love, Pillowtalk, Bambola e Estate. “Devo seguire il cuore che è sovrano e l’unica cosa al di sopra del cuore ovvero il pubblico perciò scelgo Andrea!” Avviene poi uno steal: Renga ruba Deborah e così facendo butta fuori Angelica da The Voice.

Ultimo team in gara è quello di Renga che porta sul palco per i Knock out: Alberto Lionetti, Asia Sagripanti, Laura Ciriaco e Daniele Gentile. Le canzoni scelte sono don’t worry, Sweet child of mine, La mia città e Rude. Dopo le esibizioni, Renga dice: “Questo è stato un team eterogeneo. Tutti bravi e io sono in difficoltà, ma uno di voi ha quella cosa che nessun maestro di canto può insegnare: il dolore! Perciò scelgo te, Asia!” Cristina approfitta dello steal per rubare Laura e così Giovanni è fuori da The Voice. 

Non ci resta che aspettare per scoprire assieme quali altri cantanti i nostri coach porteranno avanti per sfidarsi nelle Battle. Menzione di merito va come sempre, non solo alla simpatia dei 4 coach, ma anche alla bravura di Costantino della Gherardesca che noi di Tratto Rosa amiamo sempre più.

Gioia De Bonis

 

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *