In contemporanea con il primo weekend del Coachella dalla parte opposta degli Stati Uniti, a New York, andava in scena il Blue Book Dinner 2016.

L’appuntamento targato Tiffany è ormai un incontro annuale che accoglie ospiti del mondo dell’arte, del cinema e della moda per presentare la nuova collezione di gioielli haute couture creati con pietre straordinarie che hanno riscosso parecchio successo.
Ad ospitare l’elegantissimo Gala è stato il Cunard Building un splendido edificio neo rinascimentale dove, all’interno, è stato creato un allestimento speciale all’altezza dell’evento ospitato; sopra gli ospiti vi erano delle sfere color argento ispirati ad uno dei collier della nuova collezione. A questo gusto impeccabile nell’allestimento si aggiunge un sottofondo musicale creato dal pianista Lee Musiker con un banchetto offerto da uno chef stellato. Per terminare in bellezza gli ospiti hanno anche assistito ad una performance musciale di Esperanza Spalding e uno spettacolo danzante ispirato a “The Art of Transformation” ovvero il tema che ha ispirato l’intera collezione!
Di sicuro una festa a cui mi sarebbe piaciuto prendere parte, un gala che ha accolto più di trecento ospiti, tra cui molte star. Tra gli ospiti d’onore al Tiffany Blue Book 2016 infatti troviamo Diane Kruger, Jessica Biel, Reese Witherspoon, Eve Hewson e Naomi Watts che per l’occasione hanno indossato alcuni dei gioielli della nuova collezione, come potete vedere in queste foto:

PicMonkey Collage

Ma vediamo più nello specifico alcuni meravigliosi gioielli targati Tiffany:

Quello che più mi ha affascinato è proprio un anello con un grande rubino, ornato con diamanti e tormalina. Sicuramente non ha niente da invidiare l’anello con tormalina dal taglio a cuscino e diamanti o l’anello con tanzanite con taglio pan di zucchero decorato e arricchito da diamanti e zaffiri. Di sicuro, se dovessi sceglierne solo uno, non riuscirei a decretare il vincitore.
La nuova collezione di Tiffany è stupenda, elegante e desiderata da qualsiasi donna.

PicMonkey Collage

Linda.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *