L’inverno è in assoluto la mia stagione preferita. Chi mi legge lo sa. l’atmosfera, il buon vino, le castagne e il natale. Da quando Emanuele è con noi amo ogni giorno e ogni ora della mia vita come mai non ho fatto. Ed è per questo che, se anche arriva il freddo, le nostre attività insieme non si fermano. Una gita fuori porta? Certo, vediamo insieme come passare un week-end in famiglia coi nostri marmocchi.

Io scrivo dalla Sardegna e qui, nella mia adorata terra, si può andare e vivere il mare anche d’inverno. Ma dopo un’estate fatta di bagni e sabbia al mare ci vado solo per le passeggiate anti-raffreddore.

Sembrerà scontato ma d’inverno non c’è niente di meglio della montagna. Aria pulita, passeggiate tra boschetti versi ricchi di muschio e di bastoncini. un’atmosfera che ci consente di giocare con i nostri piccoli tra un albero e l’altro dimenticando a casa tv, giocattoli e tablet.

Se passiamo la notte fuori ovviamente, scegliamo una location che possa ospitare i più piccoli. Se avete lattantini chiedete se c’è un’ala disponibile h24 per le pappe e per tenere il latte in fresco.

Se i vostri bimbi sono leggermente più grandi e mangiano a tavola con voi dovreste avere meno problemi. Ovviamente avvertite sempre in cucina in caso il vostro piccolo abbia intolleranze o semplicemente preferenze alimentari.

Scegliete una destinazione che, in caso di tempo brutto, vi permetta di stare in albergo senza far annoiare i piccoli. Una piscina al coperto o un area bambini vi faranno da spalla per passare insieme il pomeriggio. In caso di belle giornate invece, documentatevi sui luoghi nelle vicinanze.

Da poco pensavo proprio che quest’inverno farò visitare a Emanuele un parco protetto che sta in montagna nell’entro Sardegna. Sperando di avere un po’ di fortuna potremmo incontrare cerbiatti, daini e qualche cinghialetto. Ai bambini basta poco, veramente poco, siamo noi grandi che non riusciamo ad usare la fantasia. Non riusciamo a fare di un posto all’aperto l’occasione per vivere un’avventura con i nostri bimbi. Dovremmo osservarli di più, fargli più domande per capire il loro mondo e fare di quel mondo anche parte della nostra vita.

Valentina

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *