Nonno e nonna, cinque lettere, due persone dal valore altissimo, due pilastri portanti delle famiglie di ieri e di oggi. A mio parere i nonni dovrebbero essere nominati patrimonio dell’umanità. 

Nel tempo l’immagine dei nonni è cambiata notevolmente, andando indietro negli anni durante l’infanzia la descrizione dei nonni era sempre la stessa: due vecchietti seduti su una panchina, capelli bianchi, facce pacioccone e vestiti molto vintage. 

2a3d945

 

I miei nonni io li ricordo ancora così e soprattutto ricordo i momenti passati insieme, quando la domenica si era tutti a casa loro, nonno chiamava tutti i nipoti a rapporto attorno a lui, si iniziava dal più grande per poi finire al più piccolo, mano tesa ed ecco che magicamente eravamo più ricchi di cinquecento lire, i nostri sorrisi a trentadue denti e le sue parole che ancora oggi mi fanno sorridere: “conservateli che poi vi do gli altri”.  Nonna invece? Bhè la nonna è un altro paio di maniche. La nonna è quella che ti vedeva sempre sciupato, anzi continua a vederti sciupato,  ti preparava primo, secondo, terzo, contorno, dolce, altro dolce e per finire: le caramelle, la nonna è colei che prima o poi ti farà venire l’acetone, ma la nonna è così, oh e poi diciamocelo, doveva pur andare contro il nonno ogni tanto no?

Adesso invece? Adesso la musica è cambiata, se fino agli anni 90 i nonni erano un concerto della filarmonica i nonni di oggi sono puro rock.

nonni-e-nipoti

I nonni adesso sono super tecnologici, super sportivi, attenti alla forma fisica e all’estetica, sono i migliori baby sitter che una mamma che lavora possa avere. I nonni di oggi portano i loro nipoti al parco, al cinema, a scuola.  I nonni di oggi frequentano sale da ballo, si rilassano nelle SPA e lasciatemelo dire hanno una forza e un’energia che io a trent’anni me la sogno.
Ora non so se questo sia un bene o un male, perché a dirla tutta, a mio parere, i nonni a un certo punto della loro vita dovrebbero rilassarsi, pensare a loro stessi e godersi il loro sudato riposo dopo quarant’anni di lavoro.

 

Carmela Corrieri

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *