Se prendere una casa da soli vi sembra troppo, condividere l’appartamento è forse l’idea che più fa per voi. Ma quali sono le cose da fare e da non fare per una pacifica convivenza?

Dividere la casa con un coinquilino – o più di uno – è uno dei modi migliori per risparmiare e per conoscere qualcuno. Non è raro, soprattutto durante il periodo universitario da studente fuori sede, affittare una stanza in un appartamento già occupato da altre persone, o magari dividere un’intera casa con qualche amico.  Anche io, durante i miei anni universitari in quel di Padova prima, e adesso in Inghilterra ho diviso la casa con qualcuno.  Un po’ per risparmiare sulle spese – dividere l’affitto e le bollette è sempre più economico di prendere una casa per conto proprio – ed un po’ perché la solitudine non mi ha mai fatto impazzire.
Quindi, dopo tutti questi anni per raccogliere esperienza, mi sento pronta per dare qualche consiglio al proposito anche a voi che seguite Tratto Rosa! Siete pronti? Bene, si comincia.

  • Punto primo, e secondo me il più importante in assoluto.
    Non dividete la camera con nessuno. Nessun soldo risparmiato vale quanto la propria privacy.
    Avere la vostra camera vi permetterà di mantenere intatta la vostra sanità mentale, gestirvi il vostro ordine – o il vostro disordine – come preferite e, non meno importante del resto – avere un armadio tutto per voi.
  • Punto secondo.
    Per quanto fare le pulizie è realmente una rottura di scatole – io sono la prima che detesta farlo – ricordate di tenere più puliti possibili i luoghi in comune, cioè quasi sempre la cucina e il soggiorno ed il bagno. Soprattutto il bagno.
    Insomma, cercate di decidere e seguire delle regole, per non rischiare di uscire di testa e non dividere equamente i compiti. L’idea di decidere dei giorni per la pulizia, per portare fuori l’immondizia e per roba del genere è sempre ottima!

 

  • Punto terzo, la lavatrice.
    Gente, la lavatrice è spesso come il Trono di spade del telefilm. Numerose guerre scaturiscono per lei, spesso sanguinolente. Ricordatevi di tirar fuori i panni prima possibile, in modo da non tenerla occupata per troppo tempo. Se capitate in una casa in cui non ci sono i balconi, sicuramente userete uno di quegli stendini da appartamento. Posizionarlo vicino ad un termosifone è la scelta più adatta per far asciugare prima i vestiti bagnati, quanto meno durante l’inverno. In estate tenerli vicino ad una finestra sembra, invece, la scelta migliore.

Questi sono i miei consigli principali, oltre il cercare di andare d’accordo quanto possibile con i coinquilini. Lo so, talvolta si è sfortunati e ci si ritrova a condividere una casa con gente strana, bizzarra, a volte tutto meno che piacevole. Ma cercare di fare del vostro meglio è un ottimo modo per evitarvi rogne. In caso non dovesse funzionare… bhe, qualsiasi città è piena zeppa di case in cui poter abitare!

Ambra Ferraro.

  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
  • 6
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *