Recensione: il sigillo dei Kerrey

Care trattine, oggi la nostra Linda Bertasi si parlerà di uno storico molto interessante.  Ecco a voi la sua analisi corposa e dettagliata.

SINOSSI: Irlanda 1850.

Nessuno a Connagh, un paese a sud del Connacht, sul confine con il Munster, aveva pianto la morte di John Wyndham, Marchese di Worlingthon. Meno che mai i componenti di uno dei due Clan più importanti sul confine, i Crowell, in lotta con il Clan dei Kerrey da ormai più di duecento anni.
Isibéal è l’unica figlia di Magnus, capo Clan Crowell, giovane, bella e battagliera ha un segreto: è lei ad avere in mano il comando del Clan di suo padre, ed è convinta che non ci sia occasione migliore che la momentanea assenza di un Lord Inglese a vigilare sulle loro terre, per recare quanti più danni possibili al Clan dei Kerrey.
Quando una mattina, cacciando di frodo nella riserva del Marchese, si scontra con un giovane sconosciuto, non immagina lontanamente di avere davanti il nuovo Marchese di Worlingthon e quando lo scopre, decide di sfruttare l’interesse che sembra provare il giovane nei suoi confronti, per capire le sue intenzioni adesso che ha preso il posto di suo padre.
Ma è solo questo che la spinge a cercare la compagnia di un Inglese, oppure è il bacio che il Marchese le ha rubato e i suoi modi accattivanti, a indurla a mentire alla sua gente solo per riuscire a rivederlo? Tra giochi di sguardi e un incontro d’amore segreto, Isibéal finirà, suo malgrado, con l’innamorarsi, senza immaginare che anche il giovane Lord nasconde un segreto che inevitabilmente le farà maledire il giorno che lo ha incontrato.

RECENSIONE:

L’ambientazione ci fa calare nella magica Irlanda con le sue lande lussureggianti, le sue scogliere e i suoi segreti. In questo romanzo, la Storia si mescola alle vicende dei protagonisti, donandoci un’istantanea del diciannovesimo secolo con i suoi Clan e le rivalità che si protraggono da secoli. Una nota di merito va al Glossario a fine libro che ci aiuta a barcamenarci tra le vicende politiche del tempo ed evidenzia la preparazione dell’autrice sull’argomento.

La caratterizzazione dei personaggi è convincente.

Isibéal è la protagonista femminile; Capoclan dei Crowell, è una creatura impavida e tenace. Non siamo di fronte a un’eroina stereotipata. L’incontro con Liam la destabilizzerà e modificherà il corso della sua vita, ma alla passione saprà contrapporre la ragione e i doveri verso la sua famiglia. Molto legata al fratello Alei, rispetta il padre Magnus e detesta i Kerrey. Affronterà un viaggio introspettivo non indifferente che le farà mettere in dubbio le proprie convinzioni e riscoprirsi.

Liam è il protagonista maschile, cela molti segreti e scheletri nell’armadio. Orfano dei genitori, si ritrova a dover ricoprire un ruolo che non gli appartiene dopo la tragica morte del padre. Il suo incontro con Isibéal lo scuoterà e farà nascere in lui un sentimento difficile da domare. Il passato, però, incombe alle sue spalle e l’uomo sarà costretto a prendere una delle decisioni più difficili della sua vita. L’amore per Isibéal, più forte di tutto, lo condurrà in situazioni critiche, ma non esiterà a battersi per difendere la donna. La sua mente è, però, tormentata anche dal mistero che aleggia sulla perdita del genitore. Chi lo ha ucciso? Un Crowell o un Kerrey?

Aeryn è uno dei personaggi che ho adorato; nonna di Liam, dotata di una grande saggezza e conoscenza. È considerata una guaritrice dai Kerrey e nasconde ombre nel suo passato che paiono legarla proprio ai Crowell. Proverà subito un’innata simpatia per Isibéal. È una donna che sa cogliere le sfumature e i battiti del cuore, e giocherà un ruolo fondamentale nella storia d’amore trai due innamorati.

Altro personaggio interessante è Magnus a capo del Clan Crowell. Padre di tre figli avuti con mogli diverse, è ponderato e premuroso nei confronti della figlia. Forse è l’unico Crowell a non detestare Liam e a desiderare come lui la pace tra i Clan. Il passato lo lega ad Aeryn e lo rende accattivante ai nostri occhi.
Non posso non citare i rispettivi parenti di Liam e Isibéal. I fratelli della donna sono molto simili ai cugini dell’uomo, li accomuna l’odio reciproco e la gelosia per il ruolo importante che ricoprono i due protagonisti all’interno delle rispettive famiglie. Di animo gentile, posseggono varie sfumature che li rendono umani e molto veritieri.

L’erotismo è una delle caratteristiche del testo, mi ha ricordato la tensione che si respira ne “Il cavaliere d’inverno” della Simmons. Il pathos vibra tra le pagine e le scene di sesso tra i protagonisti sono particolarmente realistiche e trascinanti.

Questo è un romanzo in cui il destino diffonde la sua eco indimenticabile; paragonerei Liam e Isibéal a un “Romeo e Giulietta” irlandesi, con la loro storia travagliata segnata da un passato deciso a replicarsi.

I temi affrontati sono: il coraggio, il destino, la lotta tra fazioni, la forza dell’amore, le dinamiche famigliari, l’abbaglio del potere e la figura della donna del diciannovesimo secolo, relegata a un ruolo che non le appartiene. Il messaggio del testo ci ricorda che bisogna sempre scavare sotto la superficie per giungere al succo della verità.

Il Sigillo dei Kerrey” è la storia di due famiglie in lotta e di un amore più forte del loro odio. Una donna destinata a presiedere un Clan, un uomo che deve compere una scelta, un incontro inatteso cambierà tutto e, sullo sfondo, le lotte intestine di due Clan che tingono di rosso le verdi colline d’Irlanda.
Un romanzo storico di ampio respiro dalle dinamiche non sempre accelerate, ma sicuramente un buon prodotto.
Consigliato agli amanti del romanzo storico, dell’Irlanda, delle storie d’amore sofferte che non rinunciano a un pizzico di giallo.

Cit. Era bellissimo fare l’amore con lui, ma allora come mai si sentiva così confusa? Che cosa sarebbe accaduto adesso, che futuro avevano loro due? Un inglese odiato da tutta la sua famiglia e lei, una Crowell, il capo del suo Clan. Era disposta a vivere in quel modo? Amando un uomo che non poteva amare?

Linda Bertasi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *